Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Al via il progetto che “aiuta chi aiuta” finanziato dalla Regione Campania e promosso dall’associazione La Gradiva, con la partnership di Anerc (Associazione nefropatici emodializzati e trapiantati regione Campania) e Fir (Fondazione Italiana Rene)


Al via il progetto che “aiuta chi aiuta” finanziato dalla Regione Campania e promosso dall’associazione La Gradiva, con la partnership di Anerc (Associazione nefropatici emodializzati e trapiantati regione Campania) e Fir (Fondazione Italiana Rene)
09/05/2013, 21:39

Insufficienza Renale Cronica: un aiuto per chi aiuta” è un progetto vicino ai familiari dei pazienti con gravi problemi ai reni e sottoposti a dialisi.

Scopo dell’attività progettuale è fornire conforto e assistenza psicologica al Caregiver, cioè a colui che si prende cura dell’ammalato.

 

L’idea nasce da un accurato lavoro di indagine, ricerca e analisi della situazione dialitici in Italia, in particolare nei territori di Caserta e Napoli, dove si registrano circa 5mila pazienti nefropatici, coordinato dall’associazione per la promozione del benessere psicologico La Gradiva e approvato con finanziamento dalla regione Campania, per migliorare la qualità della vita dei Caregiver.

 

Con l’insufficienza cronica renale si crea un processo che coinvolge le istituzioni, i presidi sanitari e tutta la famiglia dell’ammalato che viene interessata da un punto di vista organizzativo, ma soprattutto emotivo. Ogni ammalato frequenta un centro medico tre volte la settimana, per quattro ore. Coniuge, familiare, genitore, figlio o amico vivono le stesse ansie, paure, ambienti, richieste e attese socio assistenziali del paziente in cura.

 

Da oggi, chi ha un parente o un amico in dialisi nei territori di Caserta e Napoli può contare sull’appoggio di un’equipe al femminile guidata dalla psicologa Vania Costa e sul contributo tecnico-scientifico di onlus regionali e nazionali, quali l’Anerc (Associazione nefropatici emodializzati e trapiantati regione Campania), presieduta da Maria Rosaria Napoli, e la Fir (Fondazione Italiana Rene) tramite il consigliere delegato  Attilio Di Benedetto.

 

Tra le linee guida del progetto: informare il Caregiver del familiare sottoposto a trattamento dialitico sulle caratteristiche della patologia insufficienza renale cronica e sulle normative di riferimento, supportare il carico emotivo quotidiano del Caregiver e promuoverne il benessere psicologico con percorsi psico-educativi e attivazione di gruppi di auto-mutuo-aiuto, essere un’antenna di informazione sui servizi delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate coinvolte sul territorio di riferimento del progetto (Napoli, Caserta e relativi comprensori) attraverso due poli di sostegno, formazione e informazione permanenti sulla gestione del tempo e sulla cura e prevenzione delle malattie del rene.

 

In questa fase di sensibilizzazione al progetto sono in corso di selezione sessanta Caregiver familiari per formare il gruppo target, al quale saranno dedicate le successive fasi del progetto, attraverso un questionario redatto dalle psicologhe dell'associazione capofila del progetto.

Il programma Caregiver verrà illustrato in anteprima da Vania Costa, presidente de La Gradiva, durante il XIV Congresso della sezione campano-siciliano Sin (Società Italiana di Nefrologia) sul futuro della nefrologia in Campania. L’appuntamento è presso l’Hotel Royal Continetal in via Partenope 38-44 venerdì 9 maggio dalle ore 9.30 alle 12.30. Sito web: www.progettogfa.it

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©