Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

30 giorni di reclusione e interdizione dai pubblici uffici

Alberto Stasi condannato per video pedopornografici

Dovrà pagare anche una multa

Alberto Stasi condannato per video pedopornografici
13/02/2012, 19:02

MILANO – È stato assolto in appello dall’accusa di omicidio di Chiara Poggi, sua fidanzata, ma è stato condannato per detenzione di video pedopornografici. Si tratta di Alberto Stasi, che ora dovrà scontare trenta giorni di reclusione, pagare una multa di 1.400 euro, convertiti in una pena pecuniaria complessiva di 2.540 euro, e tra l’altro è stato interdetto dai pubblici uffici. La sentenza è stata emessa dal Tribunale di Vigevano: la condanna per l’interdizione dai pubblici uffici si riferisce “in perpetuo da qualunque incarico di ogni ordine e grado, nonchè da ogni ufficio o servizio in istituzioni o strutture pubbliche o private frequentate prevalentemente da minori”. Inizialmente, il pm di Vigevano, Marcello Maresca, aveva chiesto la condanna di Stasi a 2.340 euro di multa. “Leggeremo con attenzione le motivazioni della sentenza e valuteremo la possibilità di ricorrere in Cassazione”, si limita a commentare uno dei legali di Alberto Stasi, l’avvocato Giulio Colli, difensore del giovane insieme al professor Angelo Giarda.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©