Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Alcol, Santori: "nuovi provvedimenti per scongiurare tragedie"


Alcol, Santori: 'nuovi provvedimenti per scongiurare tragedie'
20/04/2011, 15:04

“L’ordinanza antialcool nelle zone della movida da sola non basta e l’emergenza sballo tra i più giovani sta assumendo toni sempre più preoccupanti e modalità sempre nuove, non ultimo l’eyeballing, la nuova moda della vodka assunta come collirio che sta dilagando oltre misura nella Capitale. Per arginare questa vera e propria piaga sociale è necessario intensificare i controlli e mettere in campo nuovi provvedimenti al fine di scongiurare il verificarsi di irreparabili tragedie, frutto di provvedimenti tampone che non estirpano il problema alla radice” – lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, Presidente della Commissione sicurezza di Roma Capitale che in data odierna ha incontrato le associazioni di quartiere ed i comitati cittadini del centro storico Italia Nostra, Piazza Pollarola Teatro di Pompeo, Piazza Navona e dintorni, Piazza di Spagna, commercianti e residenti di Via del Pellegrino e l’associazione degli abitanti per la tutela e la valorizzazione del centro storico “i quali hanno consegnato un documento contenente alcune interessanti proposte da valutare volte ad arginare il fenomeno”.

“Il fenomeno dello sballo coinvolge più quadranti della città e non solo il centro storico, attentando alla sicurezza dei residenti delle zone interessate dalla movida, che si vedono calpestati i loro sacrosanti diritti alla salute, alla quiete ed al sonno– aggiunge Santori . Per questo è imprescindibile coinvolgere le associazioni dei commercianti per richiedere una maggiore disponibilità alle richieste dei residenti e soprattutto alla tutela dei giovani che abusano di alcol, spesso utilizzati come meri strumenti di profitto. Altri provvedimenti fondamentali – conclude Santori – riguardano l’inizio dell’ordinanza contro il consumo di alcool in strada che parta dalle 21.00 e non dalle 23.00, la chiusura della ZTL, laddove presente, dalle 21.00 e soprattutto campagne educative nelle scuole contro l’alcolismo minorile, una vera sfida da affrontare”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©