Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Dopo gli insulti su Facebook

Aldrovandi, agente si scusa. La madre: doveva pensarci prima


Aldrovandi, agente si scusa. La madre: doveva pensarci prima
29/06/2012, 19:06

FERRARA – “Voglio chiedere perdono per quel mio contegno estemporaneo ed assurdo”.  Alla fine ha chiesto scusa per le sue frasi oltraggiose Paolo Forlani, uno dei poliziotti condannati per aver ucciso Federico Aldrovandi che aveva postato su Facebook insulti contro la madre e il ragazzo ammazzato. 

CANCELLIERI: PROVVEDIMENTI DOPO LA SENTENZA – “Aspettiamo la pubblicazione della sentenza di condanna e sulla base di questa adotteremo i provvedimenti che dobbiamo adottare”. Questo è stato il commento del ministro dell'Interno, Annamaria Cancellieri, che ha risposto alla domanda del Giornale Radio Rai su cosa intende fare nei confronti dei quattro poliziotti condannati. Molto cauta anche su un’eventuale sospensione: Quanto "Sì, potrebbe essere", ha risposto, ma prima deve vedere gli atti. La Cancellieri ha poi espresso la vicinanza dello Stato nei confronti dei genitori del giovane ucciso: “Sono loro molto vicina. Il dolore che hanno avuto, la perdita di un figlio è un fatto drammatico e tutto questo rende ancora più grave e difficile la loro situazione. Mi dispiace, molto, molto, che accadano questi fatti che infangano l'onore di tanti altri poliziotti che invece si comportano con dignità e correttezza”.

LA MAMMA DI ALDROVANDI: LASCI PERDERE – “E' meglio che lasci perdere! Le sue scuse? La coscienza doveva parlargli 7 anni fa all'alba di quella mattina. Non ci può esser assoluzione per ciò che ha detto”. Patrizia Moretti, la mamma di Federico Aldrovandi, non trova scusanti al gesto ulteriormente oltraggioso del poliziotto, già condannato per aver ammazzato suo figlio. “Anche perché - aggiunge - la coscienza su ciò che è successo doveva nascergli da quel giorno e non è mai successo per 7 anni, mai una parola verso di noi, adesso è tardi poiché continua a dire le stesse cose, non si può ammazzare la gente e dire non ho colpe, come se non fosse successo niente: davvero non ci sono parole per chi dopo aver ucciso Federico ha detto ciò che ha detto”.
 

Commenta Stampa
di Gaia Bozza
Riproduzione riservata ©