Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Il sindaco e lo scrittore domani a Ponte Milvio

Alemanno e Moccia insieme per salvare il ponte dei lucchetti


Alemanno e Moccia insieme per salvare il ponte dei lucchetti
13/12/2011, 17:12

ROMA - Ricordate il “ponte dei lucchetti”? Bene, tra poco, anche se il forse è doveroso, non ci saranno più lampioni con migliaia di catene a ricordarci di amori eterni o fugaci, sinceri o mendaci. Tanti quindicenni, che ogni fidanzata è quella giusta, dovranno trovare un diversivo per ricordare alla loro amata, ma forse più a se stessi, che “quell’amore è una catena”, mentre per altri è una condanna. Ma bando ai doppi sensi di matrimoni rinsecchiti, piuttosto atteniamoci ai fatti. Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha sentito telefonicamente lo scrittore Federico Moccia, che il merito e un po’ anche la colpa di aver lanciato questa moda con uno dei suoi romanzi-film. Il sindaco e lo scrittore-regista hanno concordato che, domani, alle 14.30, insieme al presidente del XX Municipio, Gianni Giacomini, e all'assessore municipale alla Cultura, Marco Perina, effettueranno un sopralluogo a Ponte Milvio per cercare insieme una soluzione condivisa che salvaguardi sia il ponte sia questa usanza. Lo rende noto il Campidoglio e prendiamone atto. Effettivamente negli anni quei poveri lampioni sono diventati il muro del pianto e la quarta essenza del romanticismo moderno. Si sono però appesantiti rischiando di cadere giù da ponte Milvio, e vuoi per sicurezza, vuoi come atto preventivo una soluzione bisognerà pur trovarla. L’appuntamento è per domani, tra un lucchetto e l’altro, nel tentativo di salvaguardare quell’usanza nazionalpopolare, quella voglia di gridare per forza il proprio amore, che sia tre metri sopra il cielo, che sia 14, che sia attaccato ad un palo della luce o sulle ruote di un motorino. In fondo San Valentino non è poi così lontano.

Commenta Stampa
di va.es.
Riproduzione riservata ©