Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ali Babà Berlusconi e i 40 Maroni


Ali Babà Berlusconi e i 40 Maroni
11/03/2011, 10:03

“Assenti Involontari. I poliziotti, saranno costretti, come da circolare ministeriale emanata l’altro ieri, a stare a casa il 17 marzo, vedendosi sottratto ob torto collo e d'ufficio, un giorno di ferie. Chi può sentire come propria la festa dell'unità d'Italia a queste condizioni? Nessuno!, sostiene il Segretario Generale del Coisp Franco Maccari. Cosa c'è da festeggiare quando ti rubano le ferie? E' possibile partecipare con cuore ad un momento storico, unico ed irripetibile nella vita come il 150esimo dell'unità d'Italia, quando vieni derubato delle tue ferie, da una circolare di un Ministro che non vuole festeggiare proprio nulla?, prosegue Maccari. Cosa accadrebbe se il Governo ed i suoi Ministri, specialmente leghisti, decidessero che il 17 marzo tutti i quotidiani fossero gratis, ma a pagare fossero gli edicolanti? Sarebbe giusto non definirli ladri? E noi, poliziotti, i ladri li dobbiamo arrestare. Il diritto alla retribuzione è già stato compromesso con l'imposizione del tetto salariale per i prossimi tre anni, il che significa che se lavori più dell'anno scorso, lo fai gratis. I doveri invece rimangono inalterati, cioè ridotti e mutilati rispetto a qualsiasi altra categoria di lavoratori pubblici e privati, spiega Maccari. Ali Babà Berlusconi è il 118esimo uomo più ricco del mondo, un sultano (con harem annesso) che non si fa mancare nulla. Emigri ad altra funzione lui e si porti dietro i suoi 40 Maroni, La russa, Brunetta e soprattutto Tremonti. Allora festeggeremo l'Italia. Liberata!,”. Così Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©