Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Alimentare: gli italiani “sono attenti nel fare la spesa”


Alimentare: gli italiani “sono attenti nel fare la spesa”
26/06/2012, 17:06

La crisi tocca sempre più le famiglie che ora sono molto più attente nel fare la spesa. A dirlo è l’Istat che riporta il dato sulle vendite al dettaglio. Queste sono calate, ad aprile, del 6,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Il calo riguarda anche il settore alimentare che fa registrare un dato negativo di 6,1 punti percentuali. Il non alimentare è invece in calo del 7,1%.
Era dal gennaio del 2001, quando sono iniziate le serie storiche, che non si assisteva ad un ribasso tendenziale tanto marcato. Su base mensile, il consumo degli italiani è calato dell’1,6%. Rispetto all’anno scorso si assiste ad una netta contrazione distributiva che riguarda si la grande distribuzione (-4,3%) sia, in maniera ancora più netta, le imprese operanti su piccole superfici (-8,6%).

“I dati dell’Istat di oggi, dichiara il Segretario generale dell’Adiconsum”, Pietro Giordano, “non fanno altro che sottolineare quanto da tempo, Adiconsum afferma: non è più tempo di buone intenzioni e ipotesi sulla crescita, ma sono necessarie vere misure per lo sviluppo attraverso l’utilizzo di tutte le leve economiche per rilanciare la competitività, il lavoro e il potere d’acquisto degli italiani”.

A questo va aggiunto il rincaro dei prodotti ittici, dell’ortofrutta e delle carni. “Secondo i dati rilevati dal nostro Osservatorio prezzi dei prodotti alimentari infatti”, continua Pietro Giordano, “negli ultimi 6 mesi i prezzi sono aumentati del +4,64%”.
“Sono aumenti importanti quelli rilevati dall’Osservatorio Adiconsum” prosegue Giordano, “perché si tratta di aumenti che riguardano beni di prima necessità che le famiglie hanno difficoltà a tagliare”.
“Ed è per questo che Adiconsum ai Ministeri competenti di istituire un Osservatorio permanente dei prezzi alimentari a livello interministeriale coinvolgendo le associazioni dei consumatori per monitorare la formazione dei prezzi, lungo tutta la filiera, sui beni di prima necessità”.




Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©