Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il cibo E' stato rinvenuto in un capannone di 600mq

Alimentare, la Gdf sequestra 260 tonnellate di cibo scaduto

Nell'opificio si falsificavano anche le etichette

Alimentare, la Gdf sequestra 260 tonnellate di cibo scaduto
14/02/2012, 13:02

 Staccavano le etichette originali dai barattoli di pomodoro, legumi e frutta sciroppata. Tiravano a lucido il metallo arrugginito e ammaccato per poi riattaccare le etichette falsificate riportanti una nuova, e più duratura, data di scadenza. A giochi fatti, le confezioni erano come nuove. Eccetto il loro contenuto. Gli uomini del comando provinciale della Guardia di Finanza hanno sequestrato oltre trecentomila barattoli di conserve di pomodoro ed alimenti vari. I barattoli di latta erano privi di etichetta, arrugginiti, ammaccati e addirittura forati. La merce è stata scoperta all’interno di un capannone il cui titolare è risultato privo delle autorizzazioni sanitarie. L’uomo, un sessantenne, è stato deferito all’autorità giudiziaria di Nola. Nell’opificio, adibito a vera e propria fabbrica del falso dell’alimentare, erano presenti 8 macchinari e 260 tonnellate di cibo in cattivo stato di conservazione pronto per essere reintrodotto sul mercato. Il tutto è stato sequestrato dagli uomini delle Fiamme Gialle insieme a circa 122 mila etichette falsificate. I barattoli, inoltre, sono risultati privi della scritta indelebile che identifica il luogo, l’anno ed il giorno di produzione rendendo di fatto impossibile qualsiasi tentativo di tracciabilità del prodotto. Sono in corso ora ulteriori indagini per individuare i prodotti contraffatti già in commercio e ritirarli dal mercato. Nonché analisi chimiche e batteriologiche, da parte dell’Asl, per accertarne l’eventuale nocività.

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©