Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

ALITALIA: NO DEFINITIVO DEGLI AUTONOMI AL PIANO DELLA CAI


ALITALIA: NO DEFINITIVO DEGLI AUTONOMI AL PIANO DELLA CAI
04/11/2008, 08:11

E' stata una assemblea molto lunga, che è terminata solo in serata, quella che si è tenuta ieri all'aeroporto di Fiumicino, a porte chiuse, tra i dipendenti che si collocano nelle associazioni sindacali non connesse ai sindacati confederali: ANPAC, ANPAV, SDL e UP. Alla fine sono state prese alcune decisioni: non accettazione del piano guida della CAI per le assunzioni, in quanto sensibilmente diverso da quanto firmato ad ottobre a Palazzo Chigi; autorizzazione alle sigle sindacali di trattare per ottenere, attraverso un esteso part-time, la riduzione al minor numero possibile degli esuberi. Inoltre il documento approvato afferma la volontà di ricorrere a qualsiasi iniziativa (quindi compresi gli scioperi, anche se non espressamente menzionati, ndr) per tutelare la situazione occupazionale del settore; inoltre c'è l'invito alla FIT-CGIL a ritirare la firma dall'accordo, in coerenza con quanto dichiarato più volte dai vertici dello stesso sindacato: un sindacato può firmare un accordo solo quando conta nel settore perchè ha tanti iscritti. Non è il caso nel settore dei trasporti aerei, dove la maggioranza dei piloti sono iscritti ai sindacati autonomi. Ma per il momento non verrà proclamato alcuno sciopero, anche perchè si aspetta una nuova convocazione da parte del Commissario Straordinario, Augusto Fantozzi.

Il quale nel frattempo sta iniziando l'esame della proposta di acquisto vincolante presentata da CAI, esame che dovrà essere concluso entro il 30 novembre prossimo.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©