Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

A villa Angeletti a Bologna

Alla Festa della Fiom show di Benigni


Alla Festa della Fiom show di Benigni
18/06/2011, 11:06

BOLOGNA - Alla festa per i per i 110 anni della Fiom, Roberto  Benigni,  lancia   un vero e proprio inno al diritto al lavoro e un invito ad amare la propria professione. A sorpresa sul palco di Villa Angeletti a Bologna il comico toscano “infiamma” la platea .

"Sono venuto qui con il cuore, con la mente - ha detto il regista toscano - e con ogni organo del mio corpo per stare vicino a voi e vicino al lavoro. Il lavoro - ha continuato Benigni - e' un diritto che nessuno ci puo' togliere, e' una cosa sacra". "Amare il proprio lavoro - ha continuato Benigni - dovrebbe essere la base su cui fondare la nostra società: amare il nostro lavoro con la coscienza orgogliosa di essere utili. Mi inchino ai lavoratori".
Ma di regali Michele Santoro al pubblico ne riserva tanti. Il giornalista spiega la sua idea di televisione libera. Affida il timone a Serena Dandini e dà voce a precari e cassintegrati che gridano il loro diritto al lavoro. Entra in tuta da metalmeccanico, a fine serata, e si rivolge al premier Berlusconi.' "Lei sta facendo di tutto per farmi diventare disoccupato,ma non ci riuscirà.''

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©