Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Allarme dal Vomero, marciapiedi occupati da motocicli


Allarme dal Vomero,  marciapiedi occupati da motocicli
26/04/2011, 10:04

“ Oramai per passeggiare sui marciapiedi delle strade del Vomero, bisogna essere esperti slalomisti – afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -. Tra buche onnipresenti, occupazioni abusive, anche di commercianti a posto fisso, e motocicli perennemente parcheggiati, i marciapiedi del quartiere collinare possono essere definiti in tutti i modi tranne che “marcia piedi”. E la situazione peggiora di giorno in giorno con l’arrivo della bella stagione, anche per la carenza di idonei controlli “.

“ Particolarmente interessate al fenomeno sono le isole pedonali ma la situazione è diffusa un poco dappertutto ( foto allegata ). Eppure sulle carreggiate sono state disegnate numerose rastrelliere con spazi di sosta destinati esclusivamente ai ciclomotori - prosegua Capodanno -. In verità c’è un atteggiamento diffuso d’indisciplina da parte dei guidatori delle due ruote, visto che ognuno vorrebbe parcheggiare a proprio piacimento “.

“ A questo punto – propone Capodanno – per risolvere il problema e combattere gli abusi occorre istituire apposite squadre con gruppi interforze di vigili urbani, carabinieri e guardie di finanza, dedicate esclusivamente alla lotta contro le occupazioni abusive dei marciapiedi, anche per la sosta dei motorini. Inoltre sarebbe opportuno incrementare le sanzioni, istituendo pure le ganasce per bloccare i motocicli, così come si fa per le autovetture in sosta vietata. Anche con le nuove disposizioni legislative abbiamo osservato che un ottimo deterrente è costituito dall’inasprimento delle pene dal momento che poco o nulla si riesce a fare sul piano della prevenzione. Si potrebbe anche pensare a togliere punti alle patenti dei motociclisti indisciplinati “.

Sulla questione Capodanno chiede alle autorità preposte di attuare provvedimenti tesi ad eliminare gli abusi da tempo denunciati e a garantire la viabilità pedonale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©