Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nei paesi sviluppati aumento del 15.4%

Allarme Fao: nel mondo oltre un miliardo di affamati


Allarme Fao: nel mondo oltre un miliardo di affamati
19/06/2009, 20:06

La fame nel mondo sta raggiungendo livelli sempre più preoccupanti. L’allarme arriva dalla Fao, che fa sapere che il numero di persone che soffrono la fame ha raggiunto la cifra spaventosa di 1.020 miliardi. Un sesto della popolazione mondiale. Ovvero, una persona su sei ha seri problemi a trovare da mangiare. A peggiorare le cose, la crisi economica mondiale e la corsa dei prezzi sulle derrate alimentari innescata per gran parte del 2008 dalle speculazioni finanziarie.
Il direttore della Fao, Jacques Diouf, nell’ultimo rapporto rende inoltre noto che il problema fame non è localizzato nelle zone più povere, ma riguarda tutto il pianeta. Nei Paesi sviluppati la quota delle persone denutrite, quest’anno, ha raggiunto i 15 milioni, con una crescita del 15.4% rispetto al 2008. A far crescere a ritmi così alti il problema, ha spiegato ancora Diouf, la “combinazione letale” tra crisi e aumento dei prezzi alimentari. La Fao fa notare che i prezzi dei generi alimentari, sebbene siano diminuiti, restano comunque più alto del 24% rispetto al 2006 e del 33% rispetto al 2005. In Asia e nel Pacifico sono circa 642 milioni le persone che soffrono di denutrizione cronica; nell'Africa Sub-Sahariana 265 milioni; in America Latina e nei Caraibi 53 milioni; nel Vicino Oriente e nel Nord Africa 42 milioni; 15 milioni - ed è un problema crescente, sottolinea la Fao - nei Paesi sviluppati. Il metodo migliore per combattere il problema fame, hanno commentato anche Josette Sheeran, direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale (Pam) e Matthew Wyatt, vice presidente per il dipartimento affari esteri del Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (Ifad), è aumentare la produzione “e il modo migliore è investire nei piccoli agricoltori”. "Anche i Paesi poveri - aggiunge Wyatt - hanno bisogno di stimoli economici che si concentrino sui piccoli agricoltori". "Ifad, Pam e Fao - osserva Sheeran - lavorano insieme, in piena sinergia, per garantire più reddito agli agricoltori nelle aree sottosviluppate. Ma il nostro impegno deve diventare l'impegno di tutti i leader del mondo".

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©