Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il 27 marzo saranno venduti nella sede milanese di Bolaffi

All'asta i documenti delle Brigate Rosse

Il prezzo dei 17 volantini e comunicati parte da 1500 euro

All'asta i documenti delle Brigate Rosse
19/03/2012, 17:03

MILANO - Ci sono al mondo collezionisti di qualsiasi cosa, di oggetti e documenti di tutte le risme. Qui è la storia a entrare nelle case di chi volesse approfittarne, una storia tragica, inquietante, fatta di sangue e pallottole. Sono stati raccolti e catalogati 17 tra comunicati e volantini delle Brigate Rosse. Il prossimo 27 marzo saranno messi all'asta a Milano, nella sede dell'azienda Bolaffi, che dal 1890 si occupa del settore della filatelia, della numismatica e del collezionismo di ogni genere. Questi documenti di grande valore storico saranno a disposizione di collezionisti o storici interessati. L'asta partirà da un valore iniziale di 1500 euro. Per fare solo un esempio, un documento firmato da Mussolini parte da un valore di 500 euro.
I 17 volantini e comunicati delle Brigate Rosse risalgono al periodo compreso tra il 1974 e il 1978, nel cuore dei famosi 'anni di piombo'. "Questi volantini - si legge nella presentazione della vendita in questione, dedicata a documenti, lettere, autografi e fotografie di interesse storico - erano ciclostilati clandestinamente e distribuiti solitamente davanti alle fabbriche. Quello datato 26/11/1974 chiude infatti con un Leggere - Dar circolare - Passare all'azione". All'asta del 27 marzo sarà venduto anche il comunicato numero 6 del 15 aprile 1978, che annunciava la condanna a morte di Aldo Moro, dopo l'uccisione della scorta e il suo rapimento in via Fani. In questo volantino, è lo stesso Bolaffi a leggere il contenuto: "L'interrogatorio al prigioniero Aldo Moro è terminato. Stendere una cappa di terrore controrivoluzionario sull'intera società è l'unico sistema con cui questo Stato, questo regime Dc sorretto dall'infame complicità dei partiti cosiddetti di sinistra, vorrebbe soffocare ed allontanare lo spettro di un giudizio storico che il proletariato ha già decretato. Per quel che ci riguarda il processo ad Aldo Moro finisce qui. Aldo Moro è colpevole e viene condannato a morte".

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©