Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Cose “dall'altro” mondo

Altro che pollo o maiale, in Cina è boom di ratto in tavola!

Carne di topo: attrazione dei ristoranti cinesi

Altro che pollo o maiale, in Cina è boom di ratto in tavola!
21/03/2012, 11:03

 


 

Come negare che i detti antichi non falliscono mai? Se consideriamo infatti il lauto consumo di carni di ratto che da oltre dieci anni si verifica in Cina, il motto “De gustibus non disputandum est” non può che trovare qui la sua più acclarata dimostrazione! Il topo è tra le prelibatezze più care al palato dei cinesi, tanto che spendere più che per carne di pollo o maiale, non sembra costituire un problema per i buongustai dagli occhi a mandorla. Wan Shen, proprietario di una gettonata macelleria, garantisce che la carne di ratto in vendita è perfettamente sana e pulita e questo perché i topi destinati al macello sono di “fresca” cattura. Aggiunge: “ … Ho mangiato topi per 10 anni senza effetti dannosi, si possono friggere, fare arrosto o lessarli, hanno una carne molto dolce e saporita”. Insomma topi “ruspanti”, topi di campagna che, ottimisticamente, sino al momento della cattura hanno mangiato solo cose genuine! Un membro dello Jijiao Street restaurant riferisce come i piatti a base di ratto siano da decenni una grande attrazione ed un forte richiamo del suo ristorante. Il ristorante ora riesce a vendere più di 40 kg di carne di topo al giorno. Le pietanze a base di carne di ratto sono così apprezzate che non di rado i commensali devono prenotare in anticipo per riuscire a pasteggiare nei ristoranti durante le ore di punta. Pare che in salsa di soia ci sia da leccarsi i baffi. (Se quelli del topo o quelli del commensale non è però dato specificare...)Un chilogrammo di carne di maiale costa al cliente circa 50 yuan ( 5 euro ), mentre il ristorante acquista la carne cruda di topo a circa 15 yuan per lo stesso peso. Il guadagno è certo. Probabilmente quello che non è altrettanto certo è il consiglio da parte di medici ed esperti che mettono in guardia in merito ai possibili rischi per la salute. La maggior parte delle carni di topi infatti, è in realtà quella di topi di fogna e certo non di topi da campo, in special modo adesso che la maggior parte delle risaie e dei campi coltivati del Delta del Fiume delle Perle ha dovuto lasciare il posto a progetti industriali e abitativi. Abbiamo premesso che i detti antichi non falliscono mai. Ebbene, non sarà che il ratto in tavola risponda esattamente a questo criterio? Non a caso in molti in Cina, credono ad un vecchio detto popolare che dice "Un ratto è uguale a tre polli in termini di nutrimento". Si pensa inoltre che i piatti a base di carne di ratto possano contribuire a curare la calvizie e prevenire l'insorgere dei capelli bianchi. Ora, ben al di là di qualsivoglia credenza popolare, riportiamo il commento di un passante che di “antico” forse non ha proprio niente, ma che di certo può vantare una profonda conoscenza della sua gente e che non può lasciarci del tutto indifferenti: "I Cantonesi devono smetterla di mangiare tutti i tipi di animali!”. Altro che problemi di digestione...

Commenta Stampa
di Rosa Vetrone
Riproduzione riservata ©