Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Amato: "Per festività natalizie manifestazione e fiaccolata ai Quartieri contro la Camorra"


Amato: 'Per festività natalizie manifestazione e fiaccolata ai Quartieri contro la Camorra'
30/11/2009, 14:11


NAPOLI - «Tanti parroci di “frontiera”, oggi, a Napoli, rappresentano i primi antagonisti alla criminalità ed alla camorra» afferma in una nota il Consigliere Regionale Antonio Amato commentando la richiesta di pizzo per la ristrutturazione della chiesa ai Quartieri Spagnoli. «La denuncia di Don Mario rappresenta solo l’ultimo di una serie di gesti ed azioni, che spesso non salgono agli onori della cronaca ma che centinaia di parroci continuano a fare sui loro territori».
«Gli esempi di Don Tonino Palmese, Don Merola, Don Mario Ziello sono quelli più conosciuti ma ne esistono centinaia. Ma questo, se rappresenta un punto d’onore del clero napoletano è anche fonte di grande preoccupazione. Se c’è stato un “salto di qualità” della criminalità che porta al tentativo di estorsione anche per opere destinate alla chiesa, non possiamo ritenere assurda un escalation che punti anche a colpire direttamente quei parroci che si schierano apertamente contro la camorra».
«La vicenda di Don Peppe Diana, purtroppo, rappresenta un tragico insegnamento. Al di là di quanto fanno e faranno in termini di protezione le forze dell’ordine, esiste allora un obbligo morale e politico di tutti i rappresentanti istituzionali per non lasciare soli questi esempi di straordinario impegno. Innanzitutto attraverso la destinazione di fondi mirati a sostenere progetti specifici realizzati o da realizzare, ma anche dal punto di vista simbolico».
«Lancio allora un appello: in concomitanza delle festività natalizie, le istituzioni napoletane organizzino una grande fiaccolata ed una manifestazione pubblica, magari proprio ai Quartieri Spagnoli, di sostegno alle parrocchie impegnate contro la camorra per dimostrare la loro vicinanza, anche fisica, alla chiesa ed alle associazioni quale avamposti di legalità».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©