Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ambulanti abusivi al Vomero: esplode la protesta


Ambulanti abusivi al Vomero: esplode la protesta
15/11/2009, 16:11

Com’era prevedibile in assenza di provvedimenti tesi ad eliminare il fenomeno dell’ambulantato abusivo, che di settimana in settimana sta crescendo in maniera esponenziale con l’approssimarsi del periodo natalizio, nel quartiere collinare del Vomero esplode la protesta da parti dei residenti e dei commercianti a posto fisso.
“ Stamani ( n.d.r. sabato ), nella sola via Luca Giordano, ancona oggetto di lavori di manutenzione nel tratto pedonalizzato, si contavano circa duecento ambulanti, con le loro mercanzie esposte sui marciapiedi, l’uno a fianco all’altro, al punto da rendere difficile anche il passaggio pedonale e disagevole l’accesso ai negozi ( foto allegate ) – afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -. A fronte di questa situazione di totale anarchia, non vi era neppure un vigile urbano a controllare l’area “.
“ Da un poco di tempo a questa parte trovare un casco bianco al Vomero è diventata un’impresa da caccia al tesoro. Anche per questo si è deciso di dare corso ad un’apposita petizione – annuncia Capodanno -. Per chiedere, appunto, di far presidiare permanentemente la zona dai vigili urbani o, in alternativa, così come già avviene nel tratto pedonalizzato di via Scarlatti, da pattuglie miste di finanzieri e soldati, per debellare un fenomeno che sta mettendo a dura prova la pazienza dei cittadini “.
“ Se – conclude Capodanno - non venissero adottati immediatamente i provvedimenti del caso, verranno valutare le iniziative da intraprendere. Nel settore commerciale a posto fisso, già provato da una crisi che perdura e che è sotto gli occhi di tutti, c’è anche chi parla di serrata, se l’ambulantato abusivo, che, notoriamente, in Città ha un giro di affari con proventi a sei zero di euro e che rappresenta una delle attività che potrebbero interessare la delinquenza organizzata, non scomparirà totalmente dalle strade del quartiere ”.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©