Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Fa discutere una mail dell'Ambasciata Usa in Italia

America’s Cup e i “cattivi pensieri” degli americani


America’s Cup e i “cattivi pensieri” degli americani
03/04/2012, 18:04

NAPOLI – Racconti di episodi di cronaca poco piacevoli, consigli e ancora pregiudizi, luoghi comuni. E’ in sintesi questo quanto, a sentire Tgcom, scrive l’ambasciata Usa in Italia ai cittadini americani che si recheranno a Napoli per assistere o prendere parte alle pre regate della Coppa America che si svolgeranno nel capoluogo partenopeo dal 7 al 15 aprile prossimi.
Si tratta di una sorta di vademecum per girare tranquillamente tra le strade della città. Ma non solo: c’è anche un dettagliato report sulla casistica dei furti e la lista delle zone più pericolose. Leggendo la nota, ad esempio, si scopre che Piazza del Gesù sarebbe la zona dove si può riscontrare il più alto tasso di alterazione psico-fisiche, soprattutto la notte e la mattina presto. “La combinazione tra l’effetto di alcol, bravate e le differenze culturali provocano spesso incidenti e scontri di minore entità”, scrive l’ambasciata, che tra l’altro chiarisce come agiscono i malviventi: “Di solito a Napoli nel borseggio ci sono tre complici, uno distrae il turista e gli altri due intervengono per sottrarre gli averi ”. E per finire, Tgcom, menziona anche un suggerimento che viene dato agli americani: “Sconsigliato guidare un’auto propria per le strade, se proprio dovete farlo state attenti agli incidenti e fate attenzione ai testimoni prefabbricati, pratica molto comune da queste parti”.Terrorismo psicologico? Si, in molti a Napoli lo hanno pensato, altri si sono fatti una sana risata, altri ancora hanno ironizzato su quanto, a sentire Tgcom, sarebbe accaduto.
Chi Napoli la ama, chi la vive ogni giorno o anche semplicemente la conosce, chi conosce la sua gente sa che episodi isolati non mettono certamente il marchio ad una città che rimane, nonostante i suoi mille difetti, tra le meraviglie del mondo.
Napoli aspetta gli americani, Napoli aspetta di essere giudicata per quello che realmente è.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©