Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Le World Series 2012 in Laguna, Partenope beffata

America's Cup, Venezia "soffia" a Napoli la prima regata


America's Cup, Venezia 'soffia' a Napoli la prima regata
04/09/2011, 17:09

NAPOLI - Mentre l’amministrazione comunale di Napoli era alle prese con l’incresciosa emergenza dei rifiuti, e Palazzo Santa Lucia era intenta a riorganizzare gli assetti delle Asl, per ridurre la voragine finanziaria in cui è sprofondata la sanità campana, il sindaco di Venezia soffiava sotto il naso alla bella Partenope le regate per accedere alla tanto ambita America’s cup. Galeotto fu quel volo del 15 agosto che portò il primo cittadino Giorgio Orsoni a Cascais: la prima stretta di mano tra gli organizzatori delle regate e la fascia tricolore ci fu proprio li’, l’accordo ratificato su carta è invece storia recente, qualche ora fa. Venezia batte Napoli, ma potrebbe esserci una rivincita. Il primo round se lo sono aggiudicati i lagunari: nel mese di maggio 2012, le World Series di Coppa America. Notizia che getta nello sconforto Napoli. Ma la partita sarebbe ancora aperta. Una delle tappe della prestigiosa competizione velica potrebbero sbarcare sul Golfo di Partenope.
Le World Series,  gare che consentono ai team della competizione velica più famosa del mondo di prepararsi alla Louis Vuitton Cup, allontanano momentaneamente Napoli e l’amministrazione comunale e regionale dall’ambizioso obiettivo. 

La firma tra i vertici dell'America's Cup e il Sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, è arrivata dopo il blitz ferragostano della fascia tricolore lagunare: Orsoni infatti si è recato in Portogallo, a Cascais, in concomitanza con una delle tappe delle World Series: è in quei giorni che la candidatura veneziana ha preso forma concretamente, proprio nei giorni in cui Napoli, altra candidata ad ospitare le WS, sembrava in procinto di chiudere il suo accordo. Ma per la città partenopea sembra possa essere valutata l'ipotesi di una ulteriore tappa "Made in Italy", anche se è necessario specificare che non vi è nessuna conferma in questo senso.

Le regate si terranno fuori dalle bocche di porto della laguna mentre la base operativa sarà allestita all'interno dell'Arsenale: il luogo dove la Serenissima allestiva le sue imbarcazioni. Per il progetto il Comune, specialmente il Sindaco che è un appassionato velista, sta lavorando da più di sei mesi.

L'operazione è finanziata da una serie di sponsor privati e non costerà nulla alle casse comunali anzi, si apprende, è previsto un meccanismo di royalites a vantaggio del Comune. Si ricorderà la polemica con gli armatori milanesi, poi esclusi dalla possibilità di partecipare alla Coppa, di Venezia Challenge che con la città lagunare non avevano nulla a che fare. “L'approdo della Coppa America a Venezia ha un grande significato ed è una gran bella notizia. La capitale del Veneto meritava questa soddisfazione, per la sua millenaria storia marinara che viene in qualche modo riconosciuta e premiata; per le sue caratteristiche uniche al mondo che ne faranno cornice di eccezionale fascino; per le positive ricadute d'immagine che porterà la manifestazione velica più famosa e più seguita al mondo”.  Con questa parole il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia accoglie la notizia. “Mi complimento con Giorgio Orsoni e Richard Worth - prosegue Zaia - per questa operazione, che sicuramente porterà importanti benefici alla realtà veneziana, ma anche alla promozione e all'offerta turistica di tutto il Veneto. Senza contare - aggiunge Zaia - che la nostra regione può contare su migliaia e migliaia di appassionati, ai quali sarà offerto il meglio del meglio”.  “Chi di noi - ricorda il governatore - non è rimasto incollato al televisore, magari di notte, per assistere alle imprese delle nostre barche in regata, da Azzurra fino a Luna Rossa? Chi di noi, allora, non si è informato sul significato di termini come strambata, spinnaker o genoa? La passione e l'attenzione per lo sport velico si è ampliata a dismisura negli ultimi anni - aggiunge il presidente del Veneto - ed ora che queste formula uno del mare solcheranno le nostre acque la soddisfazione è grande, così come la convinzione di poter mettere a frutto l'evento come volano per l'economia veneziana e per quella turistica in generale”.

 
 

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©
SONDAGGIO.

Cosa si aspetta dall'esecutivo di Palazzo San Giacomo?