Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Nicola Acanfora, 35 anni, è spirato al Loreto Mare di Napoli

Ammazza fratello a coltellate, fermato mentre tenta suicidio


Ammazza fratello a coltellate, fermato mentre tenta suicidio
08/08/2010, 18:08

SOMMA VESUVIANA (NA) - È morto all' ospedale "Loreto Mare" di Napoli, dove era stato ricoverato in condizioni gravissime, Nicola Acanfora, di 35 anni, colpito dal fratello, Giovanni, 37enne, con una mannaia ed un paio di forbici nel corso di una lite a Somma Vesuviana (Napoli). L' accusa nei confronti di Giovanni Acanfora, bloccato ed arrestato dai carabinieri mentre tentava di lanciarsi sotto un' auto, è di omicidio volontario. L'uomo ha anche tentato di fuggire a bordo della sua auto. Durante il percorso ha provocato un incidente. Secondo una prima ricostruzione la lite tra i due fratelli, entrambi già denunciati in passato, sarebbe cominciata per futili motivi e poi è degenerata. Giovanni Acanfora ha colpito il fratello, Nicola, molto probabilmente con un paio di forbici ed una mannaia da macellaio, uccidendolo quasi sul colpo. Il ferito è stato trasportato all' ospedale «Loreto Mare» di Napoli, dove i medici, hanno constatato che era in fin di vita. Entrambi i fratelli vivevano in via Santa Maria del Pozzo, a Somma Vesuviana

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©