Cronaca / Nera

Commenta Stampa

I vicini hanno sentito i lamenti e avvertito il 118

Ammazzata di botte e chiusa in un sacco

La Polizia interroga in Questura un giovane

.

Ammazzata di botte e chiusa in un sacco
14/06/2013, 09:11

NAPOLI - Pensando che fosse morta, l’hanno chiusa in un sacco dell’immondizia pronta per essere trasportata altrove. Poi qualcosa è andato storto. Così è stata ritrovata dalla Polizia,  Toska Xhuli, 24 anni albanese in un appartamento di Via Tribunali. E’ stata massacrata di botte non si sa per quale motivo, poi la giovane ha perso i sensi. Chi ha aggredito la ragazza lo ha fatto con una ferocia inaudita con botte all’addome e al viso. La ragazza è stata soccorsa da personale del 118 ed è attualmente in prognosi riservata all’Ospedale Loreto Mare. Il 118 sarebbe intervenuto sulla base della segnalazione di un vicino. Restano gravissime le condizioni della ragazza, ricoverata nel reparto rianimazione del nosocomio di Via Marina che nella notte ha subito un delicato intervento chirurgico. La 24enne viveva in un basso in via Tribunali insieme ad una connazionale che attualmente è irreperibile. Fra le ipotesi al vaglio della Squadra Mobile della Questura di Napoli, che per tutta la notte ha fatto accertamenti e indagini, vi è quella che l'aggressione sia maturata in un ambito sentimentale. Infatti l'attenzione degli investigatori si sta concentrando su un uomo, forse il compagno della vittima, al momento irreperibile. 

AGGIORNAMENTO ORE 17.00

La ragazza albanese Tosca Xhuli è in 'coma farmacologico' come riferiscono fonti della direzione dell'ospedale Loreto Mare. Ha riportato un trauma cranio-facciale, uno toracico e un altro addominale. Intanto in Questura è ancora sotto interrogatorio alla presenza di un pm della Procura di Napoli, il giovane fermato dalla polizia nell'ambito delle indagini. Il giovane, il cui cognome è D'Esposito, è di corporatura massiccia, ha capelli cortissimi ed è residente nella zona di via Tribunali, nel centro antico della città. Il giovane è stato denunciato in passato perché coinvolto in episodi di violenza ma è tecnicamente incensurato. La polizia non esclude che possa aver agito da solo. Più complessa la ricostruzione del movente della violenza. La ragazza albanese, che è dedita alla prostituzione, resta ricoverata in coma farmacologico nel reparto rianimazione.

 

 

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©