Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli, galoppini e promesse: spunta il giro in Ferrari

Amministrative, prime denunce: "Hanno votato al mio posto"

Un 29enne denunciato per propaganda illecita

Amministrative, prime denunce: 'Hanno votato al mio posto'
16/05/2011, 13:05

NAPOLI - Un caso che getta ulteriori ombre sulle elezioni Amministrative 2011 a Napoli arriva direttamente dal commissario dei Verdi Campania Francesco Borrelli.. “Segnaliamo un ennesimo caso gravissimo avvenuto stamane durante le operazioni di voto. Il sig. M.C. si è recato stamattina al seggio della scuola Tito Livio di Napoli per esprimere le proprie preferenze e ha scoperto che qualcuno aveva già votato al posto suo. L'episodio è stato immediatamente segnalato e denunciato alle autorità competenti per capire subito se si tratta di un caso isolato o di un sistema di consenso illegale a favore di qualche candidato o lista”, è la denuncia del commissario regionale dei Verdi Campania Francesco Emilio Borrelli con la lista Napoli riformista che hanno istituito un osservatorio sul voto pulito e libero a Napoli e provincia. “Dopo i pacchi regalo, i biglietti del calcio Napoli, i 50 euro a voto, le schede doppie consegnate ai votanti adesso scopriamo anche i cittadini che hanno già votato pur non essendosi recati al seggio. Chiediamo che la magistratura compia tutti gli atti necessari a verificare i livelli di inquinamento di questo voto amministrativo che ha raggiunto secondo noi livelli mai visti negli ultimi 20 anni. Stiamo assistendo ad un mercato delle vacche non alla libera espressione del voto con spese di milioni di euro per accaparrarsi il consenso. Non crediamo che tutto ciò che è successo sia solo frutto di strane coincidenze”, conclude Borrelli.
Nel quartiere Marianella invece i carabinieri hanno denunciato un 29enne per illecita propaganda elettorale fuori da termini temporali previsti. L'uomo e' stato notato da militari dell'Arma in servizio di vigilanza a un seggio in via Nuova Toscanella mentre mostrava a un 18enne della zona un volantino riportante i nominativi di candidati per il consiglio comunale e per l'VIII municipalita', verosimilmente per indurne la preferenza. Il documento e' stato sottoposto a sequestro.
Segnalazioni di compravendite di voti anche nella zona del Pallonetto, ai Quartieri Spagnoli, alla Sanità e a Secondigliano. Una denuncia in un seggio a Scampia, via Fratelli Cervi, perché una persona ha fotografato la scheda. E poi c'è una segnalazione su cui indaga la polizia: pare che un candidato abbia promesso un giro in Ferrari in cambio del voto. Si sarebbe verificato in zona piazza Nazionale. Realtà o fantasia?
Fatto sta che la Digos indaga su alcune segnalazioni effettuate da Idv e Verdi sulla presenza di galoppini all'esterno dei seggi. Questa, purtroppo, sembra essere una verità.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©