Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il concorso relativo alle zone di Salerno

Ance, recupero aree urbane dismesse


Ance, recupero aree urbane dismesse
16/02/2010, 10:02


“La rigenerazione delle aree urbane dismesse in provincia di Salerno”: è il tema del concorso di progettazione, organizzato dall’ANCE Salerno, dalla Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Salerno, dalla Provincia di Salerno, dall’INU, Istituto Nazionale di Urbanistica e dal Gruppo Giovani Imprenditori Edili dell’ANCE Salerno.
Scopo dell’iniziativa – che sarà presentata venerdì 19 febbraio alle ore 10,30 nella Sala Conferenze dell’ANCE Salerno, in via Galloppa 15 – è quella di promuovere e valorizzare le opportunità previste dal Piano Casa regionale in materia proprio di recupero di aree urbane dismesse e degradate. Interverranno
- Roberto Scermino Presidente del Gruppo Giovani di ANCE Salerno
- Marcello Feola Assessore all’Urbanistica della Provincia di Salerno
- Vito Cardone Preside della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Salerno
- Roberto Gerundo Presidente regionale dell’Istituto Nazionale di Urbanistica
- Antonio Lombardi Presidente di ANCE Salerno
Com’è noto la normativa prevede la possibilità di intervenire sulle zone dimesse con una estensione non superiore a 15 mila metri quadrati, con l’obbligo di realizzare interventi di sostituzione edilizia a parità di volumetria esistente, imponendo altresì una quota non inferiore al 30% per l’edilizia sociale.
Scopo del concorso è proprio individuare e promuovere idee originali e innovative per sfruttare questa opportunità e conciliare al meglio l’edilizia sociale con gli interventi di sostituzione edilizia di contenitori industriali.
Il Piano Casa – secondo le stime dell’ANCE Salerno - attiverà sul solo territorio provinciale investimenti, nell’arco del biennio di operatività, nell’ordine di 800 milioni-un miliardo di euro impegnando nel solo 2010 circa 3000 unità lavorative (15 mila nel biennio, considerando anche l’indotto).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©