Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Residenti e commercianti infastiditi dal rumore assordante

Ancora critiche sull'installazione in Piazza del Plebiscito


.

Ancora critiche sull'installazione in Piazza del Plebiscito
05/01/2010, 15:01

NAPOLI - Dopo le polemiche suscitate dalla rimozione "per motivi di sicurezza" dell'installazione artistica "Pionier II" del tedesco Carsten Nicolai, avvenuta pochi giorni dopo il suo allestimento in Piazza del Plebiscito, una nuova ondata di sdegno ha investito anche l'ultima opera dell'artista che ha sostituito la precedente. Al posto delle mongolfiere gonfiate a elio che componevano la pseudo-scultura, c'è ora "Nuvole di luce", consistente in tre cilindri dai quali fuoriesce del fumo, accompagnandosi a effetti sonori che riproducono le eruzioni vulcaniche.
Residenti e commercianti della zona, come pure i visitatori della piazza simbolo della città, lamentano il fastidio provocato dal rumore assordante proveniente dall'opera: alcuni di loro si sono rivolti al commissario regionale dei Verdi, l'ex assessore all'Ambiente della Provincia di Napoli Francesco Emilio Borrelli. "Su richiesta di molti residenti del quartiere San Ferdinando - ha spiegato quest'ultimo - ho chiesto a Eduardo Cicelyn, responsabile dell'istallazione, di abbassare il volume degli effetti sonori dell'opera o quanto meno di spegnere prima gli amplificatori. Attualmente, infatti, sono accesi ogni giorno dalle 17 alle 24 e infastidiscono fortemente tutti coloro che affacciano sulla piazza anche perché i rumori che escono dai coni vanno verso l'alto e sono fortemente disturbanti".
Il vicepresidente della I Municipalità, Maurizio Tesorone, ha manifestato perplessità anche riguardo alla valenza artistica dell'opera: "Non so ancora - ha detto - che cosa possa rappresentare a livello artistico questo suono da parte del vulcano trasmesso in Piazza del Plebiscito." "Hanno creato questi suoni - ha proseguito Tesorone - che vengono dal Vesuvio e devono essere trasmessi in piazza con delle luci che non ci sono, che si sono inventati: non c'è niente."

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©