Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'ultima tragedia lo scorso 8 dicembre

Ancora dissesti stradali a Casamicciola


.

Ancora dissesti stradali a Casamicciola
31/12/2012, 11:48

La sera di sabato 8 dicembre 2012 sull’isola d’Ischia si è registrata l’ennesima vittima della strada. Nicolae Savu, cittadino rumeno di quarantuno anni, è morto a Casamicciola Terme nel mentre col suo scooter attraversava il tratto di strada che costeggia il porto della cittadina termale. A far cadere rovinosamente e mortalmente Nicolae, sarebbero state le buche presenti in gran quantità su quella che rappresenta una delle strade più importanti e frequentate dell’isola Verde. Buche e dislivelli sui quali è facile perdere il controllo del mezzo e schiantarsi al suolo.  Rattrista davvero tanto vedere come proprio a pochissimi passi dal punto in cui ha trovato la morte il giovane lavoratore rumeno il manto stradale continui ad essere paurosamente e pericolosissimamente dissestato e a rappresentare un grave pericolo di morte per automobilisti e centauri che l’attraversano. La cosa raccapricciante è rappresentata dal fatto che l’asfalto consumato dal tempo e dalle intemperie nonché dalla mancanza della necessaria ed indispensabile manutenzione ordinaria e straordinaria, ha fatto si che fuoriuscissero dal bitume i vecchi basoli che prima rappresentavano il calpestio della strada. Una situazione che dimostra quanto inutile spreco di danaro pubblico negli anni ci sia stato  lungo le nostre strade dove i basoli prima sono stati acquistati a peso d’oro per ridare  dignità architettonica ai centri storici e poi sono stati coperti da colate di asfalto  senza neppure essere rimossi ecco perché ora che riemergono dal sottosuolo risultano pericolosissimi!!! Intanto le indagini per la morte di Nicolae Savu hanno prodotto i primi avvisi di garanzia. Quello che ora ci chiediamo è questo. Dove non sono riusciti gli incidenti mortali, riusciranno  gli avvisi di garanzia a far si che la strada che costeggia il porto di Casamicciola venga finalmente messa in sicurezza? Staremo a vedere!

Commenta Stampa
di Gennaro Savio
Riproduzione riservata ©