Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Festeggiato di dipendenti

Andrea Calevo torna al lavoro

Intanto si cercano altri complici

Andrea Calevo torna al lavoro
02/01/2013, 15:42

Festa in azienda per Andrea Calevo al suo ritorno al lavoro. Accompagnato dalla sorella Laura, l'imprenditore di Lerici sequestrato lo scorso 16 dicembre e liberato con un blitz il 31,poco dopo le 9.30 e' tornato nella sua azienda di Romito Magra, nel Comune di Arcola. "Finalmente si torna alla normalita'" ha detto appena varcati i cancelli. Per lui i dipendenti hanno improvvisato un brindisi tra applausi e abbracci:"Siamo felici che sia di nuovo con noi in azienda" hanno detto.

Intanto stamani il capo della Dda di Genova, il procuratore Michele Di Lecce ha precisato che "Saranno coinvolte altre persone che nel sequestro hanno ricoperto ruoli secondari o marginali". Quattro persone sono gia' state fermate. Loro costituirebbero il nucleo base della banda che ha pianificato e messo in atto il rapimento, ma Di Lecce conferma che l'indagine non e' ancora ultimata e nelle prossime ore potrebbero essere formalizzati nuovi arresti.

"Ieri Calevo e' stato sentito per molte ore dagli inquirenti - ha proseguito Di Lecce - Ha fornito una serie di indicazioni che, quando saranno sviluppate, dovrebbero condurre a nuovi sviluppi. Riteniamo tuttavia di avere avere identificato e preso i componenti del nucleo fondamentale".

La sera in cui 
Calevo fu rapito, cinque persone presero parte al blitz nella sua villa. Non tutte sono state arrestate, dunque l'attivita' e' ancora in pieno svolgimento. "Quattro sono gia' in carcere - ha concluso Di Lecce - Forse riusciremo ad arrivare a sette arresti. Intanto attendiamo che oggi stesso ci comunichino quando saranno effettuati gli interrogatori di convalida dei fermi".

Intanto sono stati ascoltati oggi Pierluigi Destri, suo nipote Davide Bandoni e gli altri due albanesi componenti la banda che ha messo a segno il sequestro. 

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©