Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Angelo Pisani contro i vergognosi post fb della consigliera leghista Donatella Galli


Angelo Pisani contro i vergognosi post fb della consigliera leghista Donatella Galli
09/11/2012, 17:41

Presentato  esposto- querela dall’ avvocato Angelo Pisani, presidente dell’associazione Noiconsumatori e numero uno dell’Ottava Municipalità di Napoli,  e tanti  cittadini napoletani per accertamento  e punizione  di tutte le violazioni  perpetrate dalla consigliera leghista Donatella Galli ed il suo post su Facebook  contenente gravissimi, macabri  ed intollerabili auspici  “Forza Etna, forza Vesuvio, forza Marsili”.  Pisani chiede al Comune di Napoli  di costituirsi  parte civile  e  le  dimissioni immediate dell’esponente leghista in uno all’espulsione della stessa da parte di Maroni “Al fine di colpire in modo esemplare una delle responsabili di atteggiamenti razzisti in Italia ed. educarne altri”.   “Ora dovrà intervenire una volta per tutte la Magistratura per richiamare ai loro doveri ed obblighi di rispetto delle primarie norme costituzionali e del vivere  civile  diversi esponenti politici,  come la consigliera provinciale leghista Donatella Galli per gli inaccettabili post sulla sua pagina Facebook – dichiara Pisani -. Prima di parlare questi personaggi devono imparare a collegare la bocca al cervello e rinunciare a vergognose ed intollerabili dichiarazioni in contrasto finanche con i principi costituzionali oltre che al loro stesso ruolo istituzionale”. Insieme all’azione penale l’ avvocato Angelo Pisani annuncia  anche una maxi causa civile  ed  una richiesta risarcitoria, per ora di oltre 1 milione di euro, a tutela dei diritti personali e d'immagine dei napoletani.“I napoletani, persone civili e superiori, chiedono alla Magistratura ordinaria in sede civile e penale una punizione politica per il bene delle istituzioni ed in nome della  vera  Giustizia con sanzioni esemplari per tutti quelli che si rendono responsabili e  colpevoli di iniziative vergognose  e violente” – dichiara Pisani.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©