Cronaca / Soldi

Commenta Stampa

Angri: sequestrati quattro videopoker, cinque schede software da gioco e 221,00 euro in contanti


Angri: sequestrati quattro videopoker, cinque schede software da gioco e 221,00 euro in contanti
21/09/2012, 13:11

I baschi verdi della Compagnia di Scafati hanno sequestrato in un circolo ricreativo di Angri (SA) quattro “videopoker”, cinque schede madri software e 221,00 euro in contante, frutto dell’attività illecita.

I finanzieri hanno rinvenuto, in una sala di un circolo ricreativo sportivo, appositamente adibita al gioco per mezzo di tali congegni, la presenza di quattro normali videogiochi da intrattenimento.

All’esito di un’accurata ispezione, i militari hanno rilevato che, attraverso talune combinazioni di tasti gioco posti sui congegni in sequenza preimpostata, gli stessi, apparentemente utilizzabili come normali videogiochi, si trasformavano in “videopoker” e/o “slot-machine” illegali, le cui vincite venivano gestite attraverso un software che riducono al minimo le possibilità di vincita da parte dei giocatori.      

Per tali circostanze, è scaturito il sequestro penale degli apparecchi elettronici, delle schede software interne e della somma di €. 221,00, frutto dell’illecita attività.

Il titolare del circolo è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nocera Inferiore per esercizio del gioco d’azzardo mediante apparecchi videopoker/slot-machine e segnalato, inoltre, all’autorità amministrativa competente, per l’irrogazione delle relative sanzioni pecuniarie, quantificate in circa 9.000 euro.

L’attività di servizio è il frutto della quotidiana azione di controllo economico del territorio disposta dal Comando Provinciale di Salerno e finalizzata anche alla prevenzione e repressione di illeciti in materia di gioco e scommesse, e conferma l’efficienza del presidio economico/finanziario esercitato dal Corpo finalizzato a tutelare il regolare andamento del mercato del gioco, connotato da un forte impatto sociale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©