Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Ma le pene sono basse e la risposta repressiva debole

Animali maltrattati: si apre un fascicolo ogni ora


Animali maltrattati: si apre un fascicolo ogni ora
27/07/2013, 15:24

ROMA - Ogni ora presso una Procura d'Italia si apre un fascicolo per maltrattamenti di animali, 24 al giorno, oltre 6000 nel corso del 2012. E' quello che risulta dal rapporto "Zoomafia 2013", della Lega Antivivisezione. I dati sono in aumento rispetto al 2011, con un +15%. Ma, come spiega Ciro Troiano, autore dello studio, "le denunce presentate sono solo una minima parte rispetto ai reati effettivamente commessi. Inoltre, se è pur vero che non tutti i casi segnalati corrispondono a situazioni di reale maltrattamento, rimane comunque una grande differenza tra denunce e condanne, tipica della giustizia italiana". 
La gran parte degli animali sono vittime di organizzazioni mafiose: corse clandestine di cavalli, lotte tra cani, animali usati per il traffico di droga, cavalli macellati clandestinamente, ecc. Per non parlare dei canili, dove non di rado i cani vengono affogati in massa per liberare spazio ai nuovi, o lasciati nell'incuria per ridurre i costi ed aumentare i guadagni.
Poi ci sono i cuccioli importati illegalmente, solitamente dai Paesi dell'est, e venduti in fiere, ma anche in negozi. Ed infine, ma non meno gravi, sono le violenze in famiglia: troppo spesso il cane o il gatto è solo il giocattolo da mettere sotto l'albero di Natale per poi scoprire che un giocattolo non è, ha esigenze e bisogni che è "faticoso" soddisfare e quindi l'animale - solitamente in questo periodo - viene buttato in mezzo alla strada.
Discorso a parte per l'idiozia umana, come per esempio quella di Allan Staughton, 23enne inglese, condannato a 56 giorni di prigione per aver infilato il gatto della fidanzata in lavatrice. Il tutto per avere 5 minuti di notorietà su Youtube, dasto che ha filmato il tutto e l'ha postato. Per fortuna il gatto è sopravvissuto...

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©