Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

32 anni dopo, una manifestazione per non dimenticare

Anniversario della strage di Bologna


Anniversario della strage di Bologna
02/08/2012, 10:13

Era il 2 agosto 1980, il giorno in cui l’esplosione di una bomba alla stazione di Bologna causò la morte di 85 presone e ancora oggi, a 32 da quel terribile giorno, non si conoscono i mandanti della strage.

Oggi Bologna ricorda quei momenti di terrore con un corteo lungo via Indipendenza e un minuto di silenzio davanti alla Stazione in piazza Medaglie d’oro sotto l’orologio che da 32 anni è fermo alle 10.25 di quella mattina. L’intera manifestazione è capeggiata dallo slogan “Bologna non dimentica”. La prima parte della giornata ha visto invece l’incontro tra il sindaco di Bologna  Virginio Merola, Paolo Bolognesi Presidente dell’Associazione familiari delle vittime e Anna Maria Cancellieri Ministro dell’Interno ed ex commissario del Comune di Bologna, la quale dichiara “Dobbiamo arrivare alla verità e qualunque passo sarà necessario fare per arrivare alla verità noi lo faremo. Perchè noi dobbiamo andare al di là della verità giudiziaria” e conclude “Cari mamme, papà, figli, avete pagato un prezzo assurdo”.

Il Presidente Napolitano manda un messaggio ai parenti delle vittime “Il tener vivo il ricordo delle vittime innocenti del terrorismo consente di trasmettere e condividere il senso della libertà e della democrazia, la volontà di contribuire alla tutela dei principi e dei diritti costituzionali”. Anche il Presidente dello Stato Schifani afferma “La strage di Bologna presenta ancora dei lati oscuri sui quali abbiamo il dovere di fare luce fino in fondo. Per guardare avanti non possiamo e non dobbiamo dimenticare il sacrificio di quegli innocenti e al dovere della memoria deve accompagnarsi quello di continuare a ricercare la verità. Lo dobbiamo ai familiari delle vittime e a tutti gli italiani”.

Commenta Stampa
di Claudia Annunziata
Riproduzione riservata ©