Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nel 2013: -15000 agenti. 2010 -1miliardo€ alla sicurezza

Annozero, Mantovano: campi rom per 6500 persone. Tosi: ronde dipendono dalla Prefettura


Annozero, Mantovano: campi rom per 6500 persone. Tosi: ronde dipendono dalla Prefettura
05/03/2009, 23:03

Toni pacati questa sera nella puntata di AnnoZero. Nella trasmissione di Michele Santoro si è affrontato un argomento che non merita discussioni animate per la sua tragicità: la violenza sulle donne dopo l'ondata di stupri registrata in questi giorni. Toccanti le testimonianze raccolte dalla redazione che ha intervistato donne italiane stuprate da stranieri e donne straniere vittime di violenza per mano di nostri connazionali. Inoltre, è stato agghiacciante sentire il racconto di un'anziana signora che ha ricostruito gli eventi della tragica serata di Caffarella quando una ragazzina di 14 anni ed il suo fidanzato sono stati aggrediti e derubati, lui picchiato e lei stuprata.

Quello degli stupri è servito da apripista alla discussione sul Pacchetto Sicurezza approvato dal Governo, che comprende l'istituzione delle ronde cittadine. Gli interlocutori principali sono stati Il Sottogegretario all'Interno, Alfredo Mantovano, il sindaco di Verona, Flavio Tosi, il deputato Achille Serra e il collega di partito Francesco Rutelli, rispettivamente ex Prefetto ed ex Sindaco di Roma. E' toccato al Sottosegretario all'Interno Mantovano mostrare a tutti l'importanza dei provvedimenti presi dal Governo per contrastare l'aumento della microcriminalità che ha messo in discussione il sentimento di tranquillità dei cittadini italiani.

Il primo provvedimento messo in risalto agli onori della cronaca dalle domande del conduttore è stato quello riguardante l'istituzione delle squadre di vigilanza cittadine note a tutti come ronde. A spiegare come funzionano è stato il sindaco di Verona, Flavio Tosi che ha tenuto a sottolineare il vincolo di subordinazione a cui sono sottoposti i volontari che formano le squadre nei confronti delle Forze dell'Ordine. Infatti, ha precisato con insistenza Tosi, le ronde hanno l'incarico di avvisare in tempo reale le Forze dell'Ordine, le quali hanno, nella loro esclusività, i compiti di vigilare sulla sicurezza dei cittadini e di reprimere i crimini commessi. Inoltre, l'utilità delle squadre di vigilanza cittadina è anche quella di stilare un verbale a fine turno dove vengono segnalate tutte le disfunzioni che la città presenta, come ad esempio una lampadina da sostituire o una buca da ripianare.

Il sottosegretario Mantovano ha anche spiegato il perchè siano stati schedati in precedenza i rom. Armato di cartina del campo rom romano Casilino 900, Mantovano ha mostrato come ogni baracca sia stata numerata per essere affidata, dopo la schedatura delle impronte digitali e del dna, ad un singolo o ad un nucleo familiare che si insedierà nel campo nomadi legalmente. Inoltre, il Governo per la prima volta nella storia ha fornito asisstenza ai bimbi rom vaccinandoli con l'aiuto della Croce Rossa e medicandoli grazie a visite pediatriche. Questa opera di Urbanizzazione e di insediamento demografico interesserà 6500 cittadini dislocati sui campi nomadi presenti in tutta la Penisola.

Mentre uno spento Rutelli ascoltava in silenzio, l'ex Prefetto di Roma, Achille Serra, ha rivendicato la paternità del programma presentato da Mantovano, dichiarando che l'accordo illustrato dal Sottosegretario era già sato firmato tra la Prefettura e l'ex sindaco di Roma Walter Veltroni. Inoltre, il deputato del PD ha anche bacchettato Mantovano per il mancato inserimento del principio di subordinazione delle Ronde alle Forze dell'ordine all'allora costituente norma, infatti, solo successivamente i ministri La Russa e Maroni hanno provveduto a correggere la proposta di legge, scongiurando preventivamente casi di giustizia privata da parte di cittadini non appartenenti alle Forze dell'Ordine.

Commenta Stampa
di Livio Varriale
Riproduzione riservata ©