Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Superate difese del sito Vitrociset, ma senza danneggiarlo

Anonymous batte Polizia: "Non meritate i soldi che vi diamo"


Anonymous batte Polizia: 'Non meritate i soldi che vi diamo'
01/08/2011, 16:08

ROMA - Ancora una volta, il gruppo di hacker conosciuto come Anonymous attacca le forze dell'ordine sul lato informatico. Questa volta è toccato al sito Vitrociset, che si occupa della gestione di Interpolizie, un sistema di comunicazione multimediale riservato alle forze dell'ordine. SI tratta di un servizio cifrato, che dovrebbe essere inattaccabile, dato che protegge comunicazioni riservate. Invece, Anonymus l'ha liquidato con poche parole: si aspettavano una "fortezza inespugnabile" e invece hanno trovato "un rudere fatiscente", qualcosa che "anche un bambino dotato del tempo e della voglia necessari sarebbe riuscito a compromettere seriamente". E poi la stoccata finale: "E voi Vitrociset dovreste occuparvi di sicurezza e affidabilità delle infrastrutture/sistemi dei più importanti enti e istituzioni del nostro Paese? Rideremmo fino a diventare cianotici se non fosse per il semplice fatto che i soldi che percepite, oltre ad ammontare a cifre incommensurabili, non fossero i nostri".
Danni reali non ce ne sono stati. Gli hacker volevano solo dimostrare che potevano infrangere le difese informatiche del sito e si sono limitati a diffondere qualche dato in forma cifrata, comunque incomprensibile. Tuttavia è significativo l'accenno che è stato fatto dagli hacker alla fatiscenza del sistema di protezione: in mano a chi vengono dati i soldi pubblici, se non sono in grado di reggere un attacco del genere?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©