Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

ANPA Veneto: "Agea la smetta con gli scaricabarili"


ANPA Veneto: 'Agea la smetta con gli scaricabarili'
19/05/2011, 17:05

"È proprio così!!! come se non bastassero i problemi che crea a Roma adesso Agea va anche in missione fuori città a raccontare di procedure accelerate per spendere, a favore degli agricoltori sardi, circa 120 milioni di euro allo scopo di evitare il disimpegno della quota comunitaria FEASR pari a 53,3 milioni di euro. È stato questo, come informa un comunicato della stessa Agea, il tema fondamentale di un vertice che si e’ svolto a Cagliari con l’assessore all’agricoltura Mariano Contu. Così per rispondere alle giuste lamentele degli agricoltori sardi, già esposte alla Commissione Agricoltura della Camera, presieduta dall’On. Russo, Agea si è presentata sull’Isola al gran completo. La delegazione condotta dal presidente prof. Dario Fruscio. era rappresentata a Cagliari dai suoi massimi dirigenti: il dott. Alberto Migliorini, titolare Dell’ufficio Monocratico, dal dott. Giancarlo Nanni, Direttore del Coordinamento e dulcis in fundo dalla dottoressa Concetta Lo Conte, responsabile dell’area pagamenti. Ma di cosa ha da lamentarsi l’Assessore Contu? Di quello di cui si lamentano tutti!! Non riesce a pagare perché non dialoga con i sistemi operativi centrali. E Agea così promette di risolvere il problema in pochi giorni costruendo con Sin una “task force” che già a partire dalla prossima settimana, attraverso incontri operativi bilaterali, affronterà le questioni sul tappeto e renderà operative le soluzioni individuate. In particolare dal 23 maggio prossimo avverrà l’apertura dell’istruttoria propedeutica all’autorizzazione del pagamento delle “misure a superficie” che interesserà circa 28 mila domande per un importo pari a circa 80 milioni di euro. O almeno così recita il comunicato che però non spiega se il pagamento avverrà prima o dopo l’arrivo di Babbo Natale. Ora visto che chi scrive è veneto dico che noi veneti, ma potrei anche dire lombardi, piemontesi, toscani, emiliani e anche calabresi, non vogliamo farci prendere in giro da personaggi che invocano il riaccentramento su Roma delle competenze e gestioni su Agea degli Organismi Pagatori Regionali, come fatto recentemente dal Prof. Fruscio. Anzi ci piacerebbe far sapere, come lo stesso Fruscio auspica, che le sue dichiarazioni, anche quelle che scaricano su SIN le responsabilità dei mancati pagamenti agli agricoltori sardi, hanno davvero superato i confini territoriali della Sardegna. Noi agricoltori Veneti siamo solidali con gli agricoltori sardi, e a coloro che invocano accentramenti romani di potere e gestione come ha fatto recentemente il Prof. Fruscio, e al quale hanno risposto immediatamente e con contrarietà gli assessori padani delle Regioni Veneto, Lombardia, Piemonte e Friuli, ribadiamo che non possiamo accettare ulteriori mistificazioni e intorbidamenti delle acque sulle vere responsabilità che ha Agea. Il Prof. Fruscio forse non si è accorto che SIN, non è altro che un contenitore di tutta la marmellata di scatole cinesi inventate ad arte a partire dalla pancia di mamma Agea, di società e sotto società, “panze” e “sottopanze”, ruoli e sottoruoli, che sono frutto della fantasia organizzativa e politica dei funzionari di Agea succedutisi in questi anni in vari ruoli, ma sempre attivi e vegeti nell’apparato dell’Agenzia, inventata ad arte per gestire in maniera “più privatistica” la cosa pubblica, comprese le relative ricche casse di denari e tesori che gli passano per le mani. Caro Prof. Fruscio, siamo contadini con mani e scarpe sporche di terra, come diceva il Ministro Zaia, ma almeno un minimo di coscienza e decenza, la riservi a, chi come noi, vi da da mangiare ogni giorno. La smetta con gli scaricabarili, e consegni ai legittimi proprietari, che sono i contadini sardi e italiani, i soldi che gli spettano, bloccati da anni per alimentare una burocrazia di apparati, impiantati su refresh e procedure da cartomanti, che infangano le verità come quelle del latte e degli algoritmi sulle vacche, parola di Carabinieri, che ci fanno dire una volta per tutte “sparisca Agea e tutte le sue propaggini perchè noi contadini abbiamo solo bisogno di Enti di Stato che aiutino l’agricoltura e non la sopprimano” ". Così un comunicato dell'ANPA Veneto.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©