Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Manca il requisito soggettivo

Appalti Enac: archiviata indagine su D'Alema


Appalti Enac: archiviata indagine su D'Alema
23/03/2012, 19:03

ROMA - E' stata archiviata l'indagine che vedeva coinvolto Massimo D'Alema per i voli della compagnia Rotkopf, uno dei capitoli dell'inchiesta sugli appalti Enac. La decisione arriva oggi dal gip Elvira Tamburelli che ha accolto una richiesta, avanzata lo scorso novembre, dai pm Paolo Ielo e Giuseppe Cascini.

MANCA REQUISITO SOGGETTIVO - A D'Alema, secondo il gip, manca il requisito soggettivo, cioè la consapevolezza del parlamentare Pd di aver commesso il reato. L'esponente politico, scrive il gip, "ha fornito dichiarazioni "verosimili" e "credibili", quando ha spiegato ai pm di aver usufruito nel 2010 dei cinque voli della Rotkopf Aviaton pensando a un gesto di cortesia del suo amico personale Vincenzo Morichini, peraltro collaboratore della Fondazione Italianieuropei". Per il giudice D'Alema non poteva sapere che il costo di quei voli (10mila euro circa) venisse addebitato alla Sdb (Soluzioni di Business), società dell'ex numero uno di Ina-Assitalia Morichini. 

L'ACCUSA - La posizione di D'Alema si riferiva al fatto d'aver usufruito di cinque passaggi aerei gratuiti su velivoli della compagnia appartenente a Viscardo e Riccardo Paganelli. I pm ritenevano che Sdb, sulla quale erano ricaduti i costi, non avesse iscritto a bilancio quei voli né deliberato la spesa. Ma l'esponente Pd aveva risposto che non era a conoscenza dei rapporti che Morichini aveva con i Paganelli e che non aveva interessi personali di tipo patrimoniale a servirsi di quei voli Rotkopf, perché come parlamentare e come presidente del Copasir può utilizzare i voli della Cai.
Per i Paganelli, secondo l'accusa, Morichini intervenne per facilitare loro la concessione di una licenza necessaria per partecipare alla gara d'appalto per i voli per l'Isola D'Elba.

Commenta Stampa
di Gaia Bozza
Riproduzione riservata ©