Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ipotizzata emissione di fatture false

Appalti G8, cinque indagati: c'è anche presidente Antonveneta


Appalti G8, cinque indagati: c'è anche presidente Antonveneta
18/01/2011, 20:01

FIRENZE - Altri nomi finiscono nel registro degli indagati per l’affaire degli appalti al G8 della Maddalena. Nomi in alcuni casi eccellenti, come quello di Andrea Pisaneschi (nella foto), avvocato, docente e attuale presidente di Banca Antonveneta, coinvolto nell'indagine per la sua attività privata di legale e non in relazione a quella della banca. Cinque in tutto i nuovi nomi iscritti nel registro degli indagati: la Procura di Firenze, che da mesi indaga nell'ambito dell'inchiesta che questa mattina ha portato alla perquisizione di alcuni studi legali a Firenze, Siena e Milano, avrebbe iscritto anche Niccolò Pisaneschi, Gian Paolo e Pier Ettore Olivetti Rason, oltre a Marzio Agnoloni, avvocato con studi a Firenze e Milano entrambi perquisiti oggi. La procura di Firenze ipotizza l'emissione di fatture false per operazioni inesistenti. Gli accertamenti rientrano nell'attività di indagine svolta dalla procura di Firenze sulle attività del Credito cooperativo fiorentino, presieduto dal coordinatore del Pdl Denis Verdini fino al luglio scorso. In una nota, l'avvocato Olivetti Rason ha detto che il suo studio "ha prestato assistenza professionale in favore di Holding BRM S.p.a. e di Edil-Invest S.r.l., holding del Gruppo Bartolomei e Fusi, in modo del tutto regolare e legittimo e sono pertanto assolutamente tranquillo e sereno".

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©