Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il sindaco: "Decreto farsa". Clicca per leggere la delibera

Approvazione del bilancio e rifiuti, l'ira di de Magistris

Scarica l'allegato

Tagliati 105 dirigenti, più agenti: risparmio del 16%

.

Approvazione del bilancio e rifiuti, l'ira di de Magistris
01/07/2011, 14:07

NAPOLI - L’approvazione in extremis del bilancio di rigore per Palazzo San Giacomo non riesce a nascondere l’amarezza per le notizie che arrivano alla spicciolata da Roma. Il sindaco Luigi de Magistris lo definisce un decreto farsa, quello approvato dal Consiglio dei Ministri, e si scaglia contro l’esecutivo e la Lega nord. "Bossi si pentirà di aver detto che i napoletani non hanno imparati la lezione, noi saremo esempio per la rinascita del Sud".
Napoli sarà comunque una città indipendente e che riuscirà ad ovviare l’emeregenza in modo autonomo, sostiene la fascia tricolore, che intanto si gode la soddisfazione di aver approvato in entro il 30 giugno il bilancio comunale. Tagli dei dirigenti ed un risparmio di circa il 15 per cento rispetto alle passate amministrazioni. Rabbia ed amarezza per i rincari provinciali previsti sulla Tarsu, anche se il Comune di Napoli non rincarerà il balzello per i napoletani. Una manovra di 3,397 miliardi, quella varata all'unanimità dalla giunta de Magistris per l'anno 2011, che ha approvato il bilancio di previsione annuale 2011 e quello pluriennale 2011-2013. «Abbiamo ereditato uno sbilancio complessivo da colmare di 130 milioni di euro», ha dichiarato l'assessore al Bilancio del Comune di Napoli Riccardo Realfonzo, che ha presentato un taglio sulle spese correnti pari a quasi 107 milioni di euro, operando in particolar modo sulle partecipate tramite accorpamenti, su tutti quello delle aziende dei trasporti, Napolipark, Anm e Metronapoli, sulle spese connesse a sindaco e assessori, ad esempio con la limitazione dell'uso delle auto blu e degli staff, e infine sui dirigenti a tempo il cui contratto scadeva oggi, per un risparmio di 3,2 milioni di euro.

Nessuna misura che vada a gravare sui cittadini, hanno tenuto a precisare il sindaco Luigi de Magistris e l'assessore Realfonzo, anche se ci sarà un aumento del 5% della Tarsu, la tassa sui rifiuti: “Dipenderà dall'aumento del 13% deciso dalla Provincia di Napoli. L'aumento complessivo del 5% dipende dal fatto che il Comune ha deciso di non aumentare la sua parte”, ha spiegato Realfonzo. Svolta anche nelle assunzioni nell'amministrazione pubblica: “D'ora in poi - ha dichiarato de Magistris - procederemo a concorsi pubblici, per selezionare quelli che saranno i funzionari della cosa pubblica”. “Intollerabile”, infine, è stato definito da de Magistris e Realfonzo il deficit delle entrate del Comune, dovuto a tasse non pagate e multe non riscosse. In funzione di un immediato incremento delle entrate, hanno spiegato, verrà istituita una task force di almeno 25 persone per l'individuazione delle tasse non pagate: «Entrerà all'opera nei prossimi giorni, il provvedimento verrà emanato domani o dopodomani», ha concluso de Magistris.

Conferma a tempo determinato, 12 mesi, per il capo della Polizia municipale di Napoli Luigi Sementa, e 106 nuovi addetti in strada già da domani. È quanto ha annunciato il sindaco di Napoli Luigi de Magistris nel corso della conferenza stampa di presentazione del bilancio 2011. Tra i dirigenti confermati c'è anche Sementa: “Riteniamo la polizia municipale uno dei pilastri dell'amministrazione comunale -  ha commentato de Magistris - La conferma di Sementa è a termine, 12 mesi”. Da domani saranno in strada 106 nuovi addetti della Polizia municipale. Un aumento del personale che garantirà la “forte presenza” che il sindaco chiede alla municipale, “in tutti i quartieri e a tutte le ore, anche in funzione del piano di pedonalizzazione di ampie aree del Comune tra le quali il centro storico, per garantire l'effettività delle Ztl”.

Commenta Stampa
di daga
Riproduzione riservata ©