Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

I funerali fissati per lunedì

Apre oggi la camera ardente del Cardinal Martini


Apre oggi la camera ardente del Cardinal Martini
01/09/2012, 10:33

La morte del Cardinale Carlo Maria Martini è stata annunciata ieri dall’Arcivescovo di Milano, Angelo Scola. La camera ardente sarà allestita alle 12 nel Duomo di Milano, mentre i funerali sono fissati per lunedì alle 16, sempre nella cattedrale. Per quel giorno il Comune di Milano ha proclamato il lutto cittadino. Per volontà dello stesso Cardinale il corpo, al termine del rito funebre, sarà inumato in una tomba ai piedi dell’altare della Croce di San Carlo Borromeo. L’inumazione avverrà in forma privata, alla presenza dell’Arcivescovo di Milano, Scola, del collegio episcopale e dei familiari.

Affetto anche lui, come Giovanni Paolo II, dal Morbo di Parkinson, le sue condizioni di salute si sono aggravate lo scorso giovedì, quando ha smesso di mangiare. Ha richiesto di non subire l’accanimento terapeutico e in particolare l’alimentazione artificiale, spegnendosi quindi ieri pomeriggio all’età di 85 anni.

Trasferitosi nel 2002 a Gerusalemme per approfondire i suoi studi biblici, tornò in Italia nel 2008 a causa della malattia. Nel 2005 era tra i maggiori quotati al papato, ma fu lui stesso a chiedere di non essere votato proprio a causa del morbo.

Forte la tristezza del Papa Benedetto XVI che ha inviato un messaggio all’Arcivescovo di Milano Scola “Appresa con tristezza la notizia della morte del Cardinale Carlo Maria Martini dopo lunga infermità vissuta con animo sereno e con fiducioso abbandono alla volontà del Signore, desidero esprimere a lei ed all'intera comunità diocesana, come pure ai familiari del compianto porporato, la mia profonda partecipazione al loro dolore pensando con affetto a questo caro fratello che ha servito generosamente il Vangelo e la Chiesa. Ricordo con gratitudine la sua intensa opera apostolica profusa quale zelante religioso figlio spirituale di Sant'Ignazio, esperto docente, autorevole biblista e apprezzato rettore della pontificia Università gregoriana e del pontificio Istituto biblico, e quindi come solerte e saggio Arcivescovo di codesta Arcidiocesi ambrosiana.”

Commenta Stampa
di Claudia Annunziata
Riproduzione riservata ©