Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Arrivati ieri dalla Romania, stamattina è nato loro figlio

Arezzo, 2500 km per far nascere suo figlio in Italia


Arezzo, 2500 km per far nascere suo figlio in Italia
01/01/2011, 18:01

Storia di speranza e di tante difficolta' quella dell'operaio romeno precario trentenne, Viconte, da quattro anni residente ad Arezzo, e della sua giovane fidanzata, Laura di 18 anni, anche lei di nazionalità romena. La coppia ha fatto 2.500 km in auto per far nascere il loro primo figlio ad Arezzo e il piccolo Angelo, di 2 chili e 880 grammi ha pensato bene di venire alla luce il primo giorno dell'anno. Viconte si era fatto prestare un furgone da un suo amico per andare a prendere la sua giovane compagna fino in Romania: i genitori di Laura, pero', erano contrari al loro matrimonio. Viconte e Laura, ormai al nono mese di gravidanza, non ci hanno pensato un attimo: sono saliti sul furgone e con un viaggio di 2.500 chilometri, durato un giorno e mezzo, tra freddo e neve, attraversando buona parte dell'est europeo, sono arrivati ad Arezzo, dove hanno trovato ospitalita', ieri pomeriggio, da una famiglia di muratori aretini. In serata però per Laura sono arrivati i primi dolori del parto, e la coppia ha deciso di andare di corsa all'ospedale San Donato di Arezzo. Dopo una notte di travaglio questa mattina, alle 8,53, e' nato il piccolo Angelo che, tra l'altro detiene il primato come primo nato della provincia di Arezzo nel 2011. Dopo il parto, I due hanno chiamato in Romania per annunciare il lieto evento della nascita di Angelo, e alla notizia, i genitori di Laura si sono finalmente convinti a dare il loro assenso alle nozze dei due fidanzati. Ma la situazione economica dei due non è delle migliori, come riferisce Viconte: ''Mi hanno detto all'ambasciata che mi ci vorranno 250 euro per i documenti e sono quasi tutti i soldi che oggi io ho in tasca. Lavoro per ora non ne ho, e anche chi ci ospita e' senza lavoro. Spero che in qualche modo qualcuno ci aiuti.''

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©