Cronaca / Droga

Commenta Stampa

Li aveva scambiati per i destinatari della "merce"

Arezzo: corriere consegna la droga ai Carabinieri per errore


Arezzo: corriere consegna la droga ai Carabinieri per errore
10/02/2010, 13:02

AREZZO - Non credo che capiti spesso ai Carabinieri di trovare un corriere che consegna loro volontariamente la droga, senza che neanche sia sotto inchiesta o arrestato. Ed è quello che invece è successo sabato sera, al casello stradale di Arezzo. C.R., 62 anni, autotrasportatore spagnolo, era partito dal suo Paese, portandosi nel rimorchio, insieme ad altre cose trasportate lecitamente, anche 128 Kg. di hashish. Il mezzo era comunque sotto sorveglianza, da parte dei Carabinieri, tramite le polizie spagnola e francese. E tramite loro ne avevano seguito gli spostamenti, fino all'Italia. Qui lo stavano seguendo, controllando che - come il lavoro di indagine aveva scoperto - il camion uscisse dal casello autostradalke di Arezzo. Quando questo è successo, l'autotrasportatore ha adocchiato una macchina che evidentemente gli sembrava quella di coloro a cui doveva consegnare la merce. Quindi si è avvicinato e ha chiesto alle due persone a bordo se lo stessero aspettando. Ma quella era un'auto civetta e i due Carabinieri in borghese che effettivamente lo stavano aspettando; quindi hanno risposto di sì. L'autotrasportatore quindi ha aperto il rimorchio e ha estratto i quattro pacchi contenenti lo stupefacente, e vantandosi della sua impresa: "Sono stato più furbo di loro. Qui la roba non l’avrebbero mai trovata". Deve avere compreso che tanto furbo non era, quando i Carabinieri si sono identificati e l'hanno ammanettato, prima di portarlo in caserma per le procedure del caso.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©