Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sorvegliato speciale catturarato dai carabinieri

Arma da guerra carica con colpo in canna:un arresto a Monterusciello


Arma da guerra carica con colpo in canna:un arresto a Monterusciello
26/06/2010, 18:06

POZZUOLI (NA) – Monterusciello, periferia flegrea, al centro della maxi operazione conclusasi all’alba di giovedì 24, che ha visto finire in manette 82 persone, torna di nuovo sotto ai riflettori. È stato arrestato oggi un sorvegliato speciale, Carlo Avallone, 23 anni.
I Carabinieri del nucleo Operativo e Radiomobile di Pozzuoli, guidati dal tenente Petrarca, lo hanno catturato per detenzione di arma clandestina. I militari dell'arma hanno bloccato il giovane mentre rientrava nella sua abitazione nella quale hanno rinvenuto una pistola semiautomatica da guerra, una calibro 9 parabellum con matricola abrasa, 8 cartucce nel caricatore ed un colpo in canna ed un secondo caricatore con 7 cartucce. 
L'arma e' stata sequestrata insieme alle munizioni e sarà inviata al Racis di Roma per accertamenti balistici. È stato arrestato e condotto nel carcere di Poggioreale. Era sorvegliato speciale per un giro di droga, di spaccio, che lo ha visto protagonista.
Il giovane, appena 23enne, è legato da parentela con due degli 82 arrestati di “Penelope”.  Nella giornata di ieri, venerdì 25, nel rione Toiano si sono avvertiti degli spari, in via Tito Livio, nei pressi del comune puteolano: un motociclista con casco, secondo i testimoni, si sarebbe fermato nei pressi dell’abitazione di un pregiudicato sparando colpi in aria.  I Carabinieri  non hanno ritrovato i bossoli.
Secondo i residenti di Toiano si tratterebbe di un segnale da parte di persone legate ai clan decimati con gli arresti messi in atto dall’Arma giorno 24.  Ora si indaga per capire se esiste un nesso tra i colpi di ieri e l’arma da guerra carica trovata in casa del sorvegliato speciale. Per il momento non sembrerebbero esserci elementi evidenti di legame tra i due eventi.

Commenta Stampa
di Elisabetta Froncillo
Riproduzione riservata ©