Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Si chiama Paolo Gabriele

Arrestata la talpa del Vaticano, è il cameriere del Papa

L'accusa: diffusione carte segrete della Santa Sede

Arrestata la talpa del Vaticano, è il cameriere del Papa
25/05/2012, 16:05

ROMA - La talpa del Vaticano, quella che avrebbe diffuso documenti segreti della Santa Sede, è stata individuata. Si tratta di Paolo Gabriele, aiutante di camera della famiglia pontificia, in sostanza il cameriere del Papa. L’identità dell’uomo è stata smascherata dalla Gendarmeria vaticana che ha avviato l’indagine secondo istruzioni ricevute dalla Commissione cardinalizia e sotto la direzione del Promotore di Giustizia, Nicola Picardi.
L’uomo è ora in stato d’arresto, dopo essere stato ascoltato questa mattina da Picardi. A dare notizia del fermo è stato il portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi.
La caccia all’uomo è scattata da quando Gianluigi Nuzzi, il giornalista di Libero, ha diffuso il libro dal titolo "Sua Santità - Le carte segrete di Benedetto XVI". Nel manoscritto sono stati citati meeting tra l'ex ministro Tremonti e il presidente dello Ior sull'Ici da far pagare agli enti della Chiesa, ai colloqui dello stesso Tedeschi con Corrado Passera sul San Raffaele, alla cena tra Napolitano e Ratzinger nel gennaio 2009, con successivo memorandum in cui venivano indicate tutte le criticità della normativa italiana, quali leggi salvare e quali affossare.
Nuzzi, nel suo articolo su "Libero" rispetto alla pubblicazione del suo libro aveva sottolineato che "Sua Santità" non è un saggio contro Ratzinger, tutt'altro. Nel libro vengono anche evidenziate le fatiche e le sofferenze del Papa davanti agli scandali, agli affari, agli interessi personali che emergono in vicende complicate come il caso Orlandi o quello del San Raffaele.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©