Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Usava per spese private i soldi ricevuti dallo Stato

Arrestata per truffa Rosy Canale, icona anti-'ndrangheta


Arrestata per truffa Rosy Canale, icona anti-'ndrangheta
12/12/2013, 13:25

REGGIO CALABRIA - E' stata arrestata, con l'accusa di truffa ai danni dello Stato e peculato, l'imprenditrice Rosy Canale. E' una imprenditrice reggina, più volte minacciata dalla 'ndrangheta a cui ha rifiutò la possibilità di spacciare droga nel suo pub-discoteca. Quando ebbe una certa notorietà fondò il "MOvimento delle donne di San Luca", poi ha pubblicato un libro e fatto uno spettacolo, basato sulle sue esperienze con la malavita. Ma è proprio il "Movimento delle donne di San Luca" il problema: era una società che riceveva contributi dallo Stato per la lotta all'illegalità, contributi che la Canale ha usato per spese personali: macchine, vestiti, i mobili della casa, viaggi.
Nell'ambito della stessa operazione, sono state arrestate anche altre cinque persone per reati completamente diversi. Due di questi sono l'ex sindaco di San Luca Sebastiano Giorgi e l'ex Assessore all'Urbanistica Francesco Mardaca, arrestati per i loro rapporti con la 'ndrangheta.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©