Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Dopo una serrata indagina delle Fiamme Gialle

Arrestate 6 persone per usura: 4 erano donne


Arrestate 6 persone per usura: 4 erano donne
11/02/2011, 10:02

Torre Annunziata- Ancora una volta le intercettazioni telefoniche sono state fondamentali per venire a capo di una organizzazione criminale che praticava usura con tassi di interesse che andavano dal 72% sino al 180% annui. La Guardia di Finanza di Torre Annunziata ha arrestato, infatti,  con l’accusa di estorsione  le sorelle Sole Ivonne 42 anni e Anna 45 anni, Gaetano Cirillo 49 anni di Torre Annunziata  e Gennaro Borrelli 38 anni  di Torre Annunziata  ma residente a Cormano (MI), ai domiciliari inoltre Anna Gelsomino 69 anni di Torre Annunziata ma residente a Boscoreale e Filomena Borrelli 41 anni di Torre Annunziata ma residente a Terzigno . Le indagini erano partite già da qualche tempo durante le quali i militari hanno effettuato perquisizioni , ed analizzato operazioni bancarie da parte dell’organizzazione  che aveva realizzato una strutturata attività di prestiti che aveva  raggiunto complessivamente la somma di 500.000 euro pretendendo dalle vittime, per la maggiore commercianti oplontini e del nolano, la restituzione in rate mensili con tassi di interesse altissimi. Nel corso delle indagini, inoltre, è emerso che in particolare le sorelle Sole intimidivano le vittime con colloqui telefonici in cui erano vessate da continue richieste di pagamento e minacce estorsive. I finanziari però non hanno avuto da parte degli imprenditori collaborazione, infatti un velo di omertà non ha permesso ai militari di poter arrivare allo sbroglio della matassa con facilità. Le indagini patrimoniali inoltre hanno consentito di individuare il patrimonio illecito accumulato dagli arrestati e di sequestrare conti bancari ed altri beni intestati agli usurai per un valore stimato di circa 100000 euro. Il sistema creditizio illegale, fondato sull’usura, rappresenta uno dei sistemi del reimpiego di capitali  provento di attività illecite, come il traffico di sostanze stupefacenti soffocando purtroppo l’imprenditoria onesta che ne paga le conseguenze più dirette.

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©