Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Ha ucciso un albanese nel 2002, fuggiva da 8 anni

Arrestato a Napoli il superlatitante Pariota


Arrestato a Napoli il superlatitante Pariota
03/09/2010, 09:09

NAPOLI – Eduardo Pariota, 38 anni, è stato arrestato dai carabinieri del comando provinciale di Perugina in una abitazione del quartiere Secondigliano, a Napoli. L’uomo era ricercato da otto anni, inserito anche nell’elenco dei 100 latitanti più pericolosi d’Italia.

Patriota nel 2002 era stato condannato a 28 anni ed 11 mesi di reclusione per l’omicidio di un albanese e per il tentato omicidio di altri due. 
I fatti risalgono al gennaio del 1999, quando nella frazione di Ponte San Giovanni, nei pressi di un bar, Pariota uccise un albanese, Gramos Pazi, imbracciando una pistola calibro 9, e cerco' di ucciderne altri due, Mandrit e Kujtim Dulo. Sembra che alla base del diverbio, scoppiato in mezzo alla gente e che avrebbe potuto avere conseguenze anche piu' gravi, ci fossero futili motivi. All'atto del verdetto, l'omicida si rese irreperibile. ''Stiamo lavorando sugli sviluppi investigativi - ha spiegato il maggiore Pierugo Todini, comandante del reparto operativo - probabilmente Pariota ha legami con clan camorristici; certo e' che il contesto nel quale si era rifugiato ci lascia ampie ipotesi per lavorare''.

La pena è divenuta definitiva nel 2005. I carabinieri, da molto tempo sulle sue tracce, sono riusciti a restringere le indagini identificando in un’abitazione di Secondigliano il luogo in cui il 38enne si stava nascondendo. Poi sono passati all’azione, senza lasciargli via di fuga.
Per il momento Patriota non risulta affiliato a clan camorristici, ma non si esclude la sua vicinanza in ambienti della criminalità organizzata; ipotesi che spiegherebbe anche la lunga latitanza, per la quale sono stati necessari coperture ed appoggi.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©