Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Arrestato dai Poliziotti mentre rubava agli utenti dell'Ufficio del Giudice di Pace


Arrestato dai Poliziotti mentre rubava agli utenti dell'Ufficio del Giudice di Pace
11/12/2013, 16:22

NAPOLI - Ieri mattina, gli agenti della Polizia di Stato, in servizio presso il Commissariato Nuovo Palazzo di Giustizia, hanno arrestato il 52enne del Quartiere San Lorenzo Raffaele Mercogliano, in quanto ritenuto responsabile dei reati di furto e ricettazione. I poliziotti erano in servizio di vigilanza presso la ex Caserma Garibaldi, attualmente sede del Giudice di Pace di Napoli, quando verso le 11.00 sono stati avvicinati da una donna che lamentava di essere stata appena derubata della propria borsa. Una dettagliata descrizione del ladro ha consentito ai poliziotti di rintracciarlo pochi attimi dopo all’ingresso del Ruolo Generale.
Il 52enne si stava infatti impossessando di un marsupio poggiato su una sedia. Dopo averlo preso si è dato alla fuga, ma per sua sfortuna proprio verso i poliziotti che lo hanno subito bloccato. Alle sue calcagna c’era però anche il proprietario del marsupio che lo aveva visto mentre se ne appropriava. A pochi metri di distanza da dove i poliziotti lo avevano bloccato, è stata poi ritrovata anche la borsa pochi attimi prima rubata alla donna che li aveva chiamati.
Tanto il marsupio quanto la borsa sono stati restituiti ai legittimi proprietari.
Raffaele Mercogliano è stato quindi sottoposto a perquisizione personale. Nel suo marsupio sono stati, tra le altre cose, rinvenuti un telefonino cellulare, un assegno bancario firmato senza indicazione del beneficiario ed una carta prepagata Postepay. L’uomo è stato pertanto arrestato. Stamattina è stato quindi sottoposto a processo penale con rito direttissimo, ma a seguito della richiesta dei termini a difesa, il giudice ne ha ordinato la liberazione in attesa del giudizio con rito ordinario.
Poco più tardi è stato identificato il proprietario del telefonino rinvenuto nel marsupio dell’arrestato: una dirigente dell’ufficio del Giudice di Pace a cui l’apparecchio è stato subito restituito.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©