Cronaca / Nera

Commenta Stampa

In manette uno dei super latitanti della camorra partenopea

Arrestato il boss Mennetta capo dei Girati


.

Arrestato il boss Mennetta capo dei Girati
04/01/2013, 13:26

NAPOLI – I Carabinieri prima e la Polizia poi: questo l’iter giudiziario del boss Antonio Mennetta, capo dei ‘Girati’, fazione staccatasi dagli Scissionisti e che è attualmente in guerra proprio contro quel clan che a sua volta si oppone agli storici Di Lauro nel controllo dei traffici illeciti e soprattutto del mercato milionario della droga. Era già stato arrestato nello scorso mese di luglio e scarcerato poi dopo due giorni. I carabinieri gli notificarono un'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari per violazione delle prescrizioni sulla sorveglianza speciale. Poi fece perdere nuovamente le sue tracce, pur continuando a ad essere protagonista nella faida sanguinosa che sta mietendo decine e decine di morti, per la quale sono stati arrestati quasi tutti gli artefici principali. Terzo ultimo in ordine di bracciali ai polsi proprio lui, Antonio Mennetta che gli uomini della sezione Catturandi della Squadra Mobile di Napoli, in collaborazione con gli uomini del Servizio Centrale Operativo, hanno arrestato la scorsa notte in una villa di Scafati nell'entroterra salernitano. Mennetta era insieme ad altri due pregiudicati quando è stato catturato. Il boss, ricercato dallo scorso mese di settembre, era protetto da un sofisticato sistema di videosorveglianza che monitorava non solo la dimora ma anche tutto il perimetro abitato. All'appello dei cinque ‘most wanted’ mancano Mario Riccio e Marco Di Lauro, figlio di Paolo, capo storico del clan delle Vele. In manette sono già finiti Mariano Abete, e Rosario Guarino, detto Joe Banana, referente di spicco dei Vannella Grassi. "Sono Antonio Mennetta": queste le prime parole pronunciate dall’uomo quando si è visto circondato. 

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©