Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Indagine relativa al porto di Fiumicino

Arrestato il costruttore Bellavista Caltagirone

Tra le accuse, frode in pubbliche forniture

Arrestato il costruttore Bellavista Caltagirone
19/03/2013, 10:26

ROMA -  Arrestato dalla Guardia di Finanza di Roma per l'indagine relativa al porto di Fiumicino, il noto costruttore romano, Francesco Bellavista Caltagirone (nella foto). Le accuse nei suoi confronti sono di frode in pubbliche forniture, appropriazione indebita e trasferimento fraudolento di denaro a terzi. La misura restrittiva è stata firmata dal Gip di Civitavecchia Chiara Gallo su richiesta del pm Lorenzo del Giudice.  Le ordinanze di custodia cautelare, disposte dal giudice delle indagini Preliminari del Tribunale di Civitavecchia, Chiara Gallo, si legge in una nota della Guardia di Finanza, si inseriscono nelle indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Civitavecchia, del Nucleo Polizia Tributaria di Roma, riguardanti la realizzazione del porto turistico a Fiumicino, che avevano già portato, nel novembre scorso, al sequestro dell’intera area del cantiere, per una estensione di circa un milione di metri quadri. Gli approfondimenti hanno consentito di individuare un articolato meccanismo di frode nei lavori di costruzione del “porto della Concordia” con un sistema di attribuzione fittizia a soggetti terzi di somme di denaro, per complessivi 35 milioni di euro, oggetto di distrazioni a danno di due società riconducibili al gruppo imprenditoriale “Acqua Marcia” di Roma, riconducibile, appunto, a Bellavista Caltagirone.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©