Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

L’accusa che gli viene contestata è di corruzione aggravata

Arrestato il sindaco di Pantelleria: mazzette per fare assunzioni


Arrestato il sindaco di Pantelleria: mazzette per fare assunzioni
22/05/2012, 11:05

PANTELLERIA - Guai giudiziari per il sindaco dell’isola di Pantelleria, Alberto Di Marzo, raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari per corruzione aggravata. A quanto pare, infatti, la procura di Marsala gli contesta l’aver intascato una mazzetta di 10.000 euro da un imprenditore edile di Alcamo (Trapani), per assumere il figlio come dirigente di un settore dell’amministrazione comunale. Ma non solo: a saldo per il favore ottenuto, l’imprenditore avrebbe dovuto versare altri 40 mila euro. Non essendo mai avvenuta l’assunzione, nonostante il pagamento della tangente, è stato l’imprenditore stesso a rivolgersi ai carabinieri, autodenunciandosi e facendo scattare l’indagine nei confronti del primo cittadino dell’isola trapanese. Ad eseguire il provvedimento, come anche la perquisizione del suo ufficio e di quelli di altri dirigenti e funzionari del comune dell’isola, sono stati i carabinieri del Nucleo investigativo di Trapani.
Alberto di Marzo era stato rieletto sindaco il 31 maggio 2010 con il 62,56 per cento di voti, appoggiato dalla lista civica “Pantelleria libera”, battendo l’ex primo cittadino Salvatore Gabriele (33,59 per cento) e Giovani Paternò (3,85 per cento). Già in precedenza, Di Marzo era stato primo cittadino di Pantelleria fino al 23 Settembre 2002, quando fu arrestato con l’accusa aver compiuto estorsioni a danno di imprenditori in un contesto dove, secondo la Squadra Mobile di Trapani, “un gruppo di potere usava metodologie di tipo mafioso” per gestire l’isola. Con Di Marzo furono arrestati gli imprenditori Antonino ed Antonio Messina, padre e figlio, accusati, oltre che di estorsioni, anche di minacce, detenzione di due kalashnikov e avere commesso un attentato ai danni del tecnico del Comune di Pantelleria Giuseppe Gabriele.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©