Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Smantellata la rete botnet Mariposa

Arrestato Iserdo, uno degli Hacker più pericolosi al mondo


Arrestato Iserdo, uno degli Hacker più pericolosi al mondo
28/07/2010, 21:07

A quanto pare, la potente e pericolosa rete bot Mariposa, in grado di collegare tra loro circa 12.000 milioni di pc e di diffondere malware, cavalli di troia e virus d'ogni tipo all'interno di importanti network industriali, governativi e bancari, è stata definitivamente smantellata.
Con l'aiuto dell'Fbi e di oltre cento specialisti tra staff di polizia e personale scientifico, le autorità slovene sono infatti riuscite ad individuare ed arrestare uno dei più abili e pericolosi hacker al mondo conosciuto sulla rete come Iserdo. Del 23enne sloveno, la polizia, non ha però diffuso le generalità e si è limitata a precisare che, al suo, seguiranno fermi per diversi altri cybercriminali divisi tra Spagna e Slovenia.
Per comprendere la portata del sistema di "pc zombie" messo in piedi da Iserdo basta sapere che, più o meno la metà delle aziende più importanti del globo, sono state colpite e danneggiate anche gravemente dal network maligno Mariposa. Il giovane, inoltre, vendeva al miglior offerente software e malwere per penetrare nei circuiti bancari (ne sono stati violati 40 dei principali gruppi mondiali) ed ottenere informazioni come numeri di carte di credito, password ecc...il prezzo oscillava da un minimo di 500 euro ad un massimo di 1300 per la versione completa. Intuible, dunque, l'effetto "domino" della rete botnet ideata dallo sloveno che, venendo messa in vendita, poteva in linea teorica espandersi all'infinito e creare danni incalcolabili a livello globale.
Come ricorda anche bitcity.it, non è mai facile riuscire ad individuare hacker abili come Iserdo e, le indagini per la loro cattura, spesso durano anni, si spostano su diversi stati e continenti e coinvolgono decine e decine di esperti. Alla fine, però, basta un singolo passo falso dell'individuo per incastrarlo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©