Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il grande accusatore di Ottaviano Del Turco è in manette

Arrestato Vincenzo Angelini per bancarotta


Arrestato Vincenzo Angelini per bancarotta
27/04/2010, 19:04

CHIETI - I 1500 dipendenti della sua "Villa Pini" non ricevevano lo stipendio da più di un anno ma lui, Vincenzo Angelini, il grande accusatore di Ottaviano Del Turco nella bagarre della sanitopoli abbruzzese, possedeva nella propria villa di Francavilla a Mare (Chieti) quadri ed oggetti d'arte del valore di 10 milioni di euro. Questa mattina, però, la Guardia di Finanza ha fatto irruzione nella sua abitazione e lo ha arrestato con l'accusa di bancarotta fraudolenta; sequestrando quadri di enorme valore firmati da artisti come De Chirico, Tiziano e Guttuso. Tra questi, rinvenuta anche un'opera (di Tiziano) che da sola vale quasi un milione di euro.
Già nel mese di maggio 2009, la Gdf sottopose a sequestro giudiziario alcuni dipinti e beni di diverso genere ancora oggetto di perizia da parte della Sovrintendenza dei Beni Culturali di Chieti.
Sia l'arresto che le misure restrittive e di confisca sono ricondicubili alle indagini per bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale (aggravata dal falso in bilancio) della casa di riposo Villa Pini Srl. Sulla vicenda sta indagando la procura di Chieti.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©