Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Arzano, in manette genio della truffa latitante da 11 anni


Arzano, in manette genio della truffa latitante da 11 anni
23/08/2011, 11:08

I carabinieri della compagnia di casoria hano catturato il latitante Nicola Esposito, 47 anni, residente a napoli nel quartiere san pietro a patierno, già noto alle forze dell'ordine per numerosissimi reati contro il patrimonio (ricettazione e truffe in particolare) alla macchia dal 2000.

Ieri sera l’uomo e’ stato notato aggirarsi con fare sospetto nel Bar Royal di Piazza Cimmino ad Arzano: era in compagnia d’una anziana donna del luogo e si guardava intorno con troppa circospezione in relazione al luogo e all’orario.

Quando i militari dell’arma lo hanno fermato per controlli ha esibito un passaporto (a nome di Salvatore Savarese, 40enne, altezza 182 centimentri mentre quella di Esposito e’ di circa 160).

Ai militari dell’arma ha prima dichiarato di essere il figlio dell’anziana, smentito dalla signora, poi di esserne il badante, l’anziana a quel punto, caduta dalle nuvole, ha capito che in quell’uomo che effettivamente l’aveva aiutata negli ultimi tempi nella conduzione dela casa c’era qualcosa che non andava.

Dopo un veloce controllo dattiloscopico che ha confermato l’identità del ricercato, all’uomo sono stati notificati ben 3 ordini restrittivi:

- un ordine di carcerazione di pene concorrenti (il cosidetto cumulo pene) emesso dal tribunale di pordenone per l’espiazione 10 anni di reclusione, con interdizione dai pubblici uffici per 5 anni, per truffa, ricettazione e sostituzione di persona;

- altro ordine di carcerazione di pene concorrenti emesso dal tribunale di treviso per l’espiazione di 9 anni e 3 mesi di reclusione per truffa, ricettazione e sostituzione di persona;

- un provvedimento di cattura in ambito schenghen emesso dalle autorità tedesche per l’espiazione di 8 mesi di reclusione dopo la sua “sparizione” dall’obbligo di firma conseguente ad arresto per violazione alla legge sugli stupefacenti.

dopo le formalità di rito l’uomo e’ stato tradotto nella casa circondariale di poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©